Informazione

Gli attacchi di squalo più scioccanti

Gli attacchi di squalo più scioccanti



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Nel 1975 ha visto il thriller scioccante "Jaws" al mondo. Il mondo intero, con il fiato sospeso, guardò mentre il grande squalo bianco terrorizzava la località turistica.

Poche persone sanno che i film si basano su eventi reali su una serie di attacchi di squali sulle spiagge del New Jersey nel 1916. Di seguito parleremo dei casi più scioccanti di una collisione di una persona con gli squali.

Brooke Watson. Non c'era artista in America coloniale più conosciuto di John Singleton Copley. Di solito dipingeva ritratti, ma tra gli altri dipinti era famoso per il dipinto "Watson and the Shark". Raffigura un ragazzo biondo che è nell'acqua e chiede aiuto. Uno squalo nuota verso di lui, che ha già aperto la bocca in previsione della sua preda. Questo dipinto è stato creato sulla base di una vera storia accaduta nel 1749. Brook Watson aveva 14 anni e faceva parte dell'equipaggio di una nave mercantile. Quando la sua nave era a L'Avana, il ragazzo decise di nuotare nel porto. Lì fu attaccato due volte da uno squalo. I marinai della nave Brook hanno assistito alla terribile tragedia; hanno cercato di estrarre il ragazzo di cabina dall'acqua il più rapidamente possibile, salvandogli la vita. Tuttavia, l'aiuto è arrivato troppo tardi. Durante il combattimento con lo squalo, Watson perse il piede, in seguito i medici gli amputarono anche una gamba fino al ginocchio. Ma questo non ha spezzato lo spirito del giovane, ha continuato a condurre una vita attiva. Per 9 anni, Brooke è rimasto in parlamento, riuscendo persino a diventare vice sindaco di Londra. La fama ha portato Watson al fatto che il suo caso è stato il primo documentato, quando una persona è stata in grado di sopravvivere a un attacco di squalo.

Barry Wilson. Questo caso è noto per essere il primo sacrificio di squalo registrato nella storia della California. Inoltre, l'attacco ha avuto luogo di fronte a molte persone. La tragedia avvenne il 7 dicembre 1952 con un adolescente di 17 anni sulla costa del Pacifico. Wilson ha nuotato con il suo amico 40 metri al largo. All'improvviso uno dei testimoni notò come Wilson improvvisamente cominciò a muoversi bruscamente e in modo innaturale da una parte all'altra. All'improvviso Barry urlò aiuto. I testimoni sono stati persino in grado di vedere uno squalo, che ha quasi completamente sollevato il giovane fuori dall'acqua. Barry si tuffò rapidamente di nuovo sott'acqua e poi riapparve in superficie. Allo stesso tempo, gridò, chiese aiuto e agitò le braccia. Tra gli altri, che si affrettò ad aiutare lo sfortunato, c'era il suo amico - Bruckner Brady. Insieme ad altri quattro volontari, ha nuotato fino a Barry. I soccorritori sono stati in grado di uccidere una persona da un predatore. Ma mentre nuotavano tutti fino alla riva, lo squalo li inseguì. Di conseguenza, Wilson ha ricevuto gravi ferite alla gamba sinistra, alla coscia destra, ai glutei e alla schiena. Si sono rivelati così profondi che il giovane è morto prima che l'intera squadra raggiungesse la riva.

Robert Pamperin. Robert Pamperin ha guadagnato notorietà per essere stato completamente mangiato da un grande squalo bianco. L'uomo, insieme al suo collega di immersioni, Gerald Lehrer, nuotò al largo della costa di San Diego nel 1959. C'erano 15 metri tra i nuotatori. All'improvviso Lehrer sentì Robert chiedere aiuto. Quando si voltò, vide un amico in una strana posizione verticale. Lehrer si affrettò ad aiutare, ma Pamperin affondò lentamente nell'acqua. Quando Gerald si tuffò, vide il suo amico nella bocca di un enorme squalo di sette metri. Lehrer disse che Pamperin era già mezzo inghiottito e un pericoloso predatore lo stava trascinando giù. Lehrer si tuffò in superficie per prendere un po 'd'aria, quindi si immerse di nuovo per spaventare lo squalo. Ma questo non ha aiutato, il sub è andato a riva per i soccorritori. Per due ore il team ha cercato almeno alcuni resti o tracce di Pamperin. Ma tutto ciò che è stato trovato sulla scena della tragedia è stato l'attrezzatura per l'immersione del defunto sub.

Omar Konger. Questa storia è successa anche al sub. Omar era una delle quattro persone uccise dai denti di squalo nel 1984. Konger, insieme al suo collega Chris Rem, ha nuotato a 150 metri dalla riva. C'erano solo 5 metri tra i nuotatori. Un grande squalo bianco apparve dal nulla, afferrò Konger e lo trascinò via. Passarono alcuni secondi e il predatore riapparve in superficie, già con il sub in bocca. Lo squalo cominciò a nuotare verso Rem, lasciando andare il suo compagno vicino a lui. Chris è stato in grado di portare a terra il suo amico, ma a quel punto era già morto, avendo perso molto sangue. Sulla base di numerose lesioni a braccia, gambe e glutei, si è successivamente concluso che lo squalo era lungo circa 5 metri. Nelle due settimane successive, altre tre persone furono attaccate in questi luoghi, ma sopravvissero tutte.

Bethany Hamilton. Bethany Hamilton, all'età di 13 anni, divenne il miglior surfista della stessa età alle Hawaii, così come in tutti gli Stati Uniti. Nel 2003, il nome della ragazza ha fatto notizia quando è stata attaccata da un grande squalo tigre. La mattina di Halloween, la ragazza è andata a fare surf con suo fratello Byron, l'amica Alana e suo padre Holt. Betania era sdraiata sul tabellone con la mano sinistra in acqua. All'improvviso lo squalo attaccò la ragazza e si morse il braccio sotto la spalla. Fortunatamente, i compagni hanno agito piuttosto rapidamente. Hanno legato la ferita con un laccio emostatico e hanno tirato Bethany sulla riva. Lì svenne mentre aspettava i dottori. Alla fine la ragazza perse il 60% del suo sangue, ma riuscì a sopravvivere. Sono state eseguite diverse operazioni, è stato possibile evitare l'ingestione di infezioni. Un mese dopo, la coraggiosa Betania si ritrovò di nuovo in acqua, catturando nuove onde. È successo il giorno del ringraziamento. Non sarà possibile restituire l'equilibrio precedente, ma in generale l'atleta ha rapidamente riacquistato le sue capacità, mostrando lo stesso stile aggressivo che possedeva. Per Betania fu difficile adattarsi alle nuove condizioni e inoltre rifiutò qualsiasi dispositivo speciale. La ragazza ha continuato a competere nelle competizioni di surf, vincendo anche il campionato nazionale nel 2005.

Randy Fry. Questa storia risale al 2004. Quindi, vicino alla città di Westport, nello stato della California, Randall Fry e Cliff Zimmerman si tuffarono. La tragedia è avvenuta a una profondità di 4,5 metri. Fry fu improvvisamente attaccato da uno squalo, mentre il suo amico era molto vicino. Zimmermann si voltò per un secondo, e improvvisamente sentì un suono sibilante e il movimento dell'acqua alle sue spalle. Tutto ciò che Cliff ebbe il tempo di vedere, le pinne di squalo balenarono insieme a parte del corpo di Fry. In un paio di istanti, il predatore con la sua preda è scomparso nelle profondità. L'acqua intorno al sub spaventato divenne rossa ... Cliff nuotò rapidamente verso la sua barca, poiché era a soli 45 metri di distanza. I soccorritori sono riusciti a trovare il corpo di Fry solo il giorno successivo. Sono stati trovati segni di morso, che vanno da una spalla all'altra. Ciò indicava che l'uomo era stato attaccato da un grande squalo bianco. Fu anche in grado di separare la testa del disgraziato dal suo corpo.

Henry Burs. Il modo in cui quest'uomo ha incontrato uno squalo è stato anche filmato per caso. La tragedia è avvenuta nel 1954. Henry Bourses e i suoi due amici giocavano con le foche proprio nell'oceano al largo dell'isola Lady Julia Persia al largo della costa australiana. All'improvviso apparve un grande squalo bianco. Nuotò verso Henry e gli morse rapidamente una gamba. Quando i compagni hanno sentito un grido acuto, hanno trovato un arto reciso che galleggiava lì vicino. Bursa riuscì a essere trascinato nella barca, perdendo conoscenza, riuscì a riferire il suo gruppo sanguigno. Successivamente, la vittima ha detto che ha anche provato a fare la guerra con lo squalo, togliendogli la gamba. Burs stesso era un fotografo amatoriale del mondo sottomarino ed era anche coinvolto nella regia. Poteva quindi usare il filmato dell'attacco contro di lui da parte di uno squalo bianco per la ricostruzione di quegli eventi nel film documentario "Cruel Shadows".

La morte di Indianapolis. Il 30 giugno 1945, l'incrociatore americano Indianapolis fu affondato durante un attacco siluro giapponese. Dei 1.196 marinai che caddero in acqua, 900 riuscirono a usare giubbotti di salvataggio. La mattina dopo, questo posto brulicava già di squali, odorava di prede. Cosa potrebbe opporsi l'equipaggio indifeso all'invasione di predatori affamati? L'incubo è durato quattro giorni. Solo allora i soccorritori sugli aerei furono in grado di estrarre i marinai dall'acqua. Si è scoperto che dei 900 membri dell'equipaggio che caddero in acqua, a quel punto sopravvissero solo 317. Questa tragedia divenne il più grave disastro navale nella storia della flotta americana. È vero, non si sa esattamente quanti marinai siano morti direttamente a causa di attacchi di squalo e quanti a causa di altri motivi.

Matavan Creek. Gli attacchi di squali a Matavan Creek furono preceduti da due attacchi di questi predatori nell'oceano al largo della costa di Jersey il 4 luglio 1916. Appena 6 giorni dopo queste tragedie, il Capitano Thomas Cottrell ha individuato un grande squalo bianco nelle acque poco profonde del Matavan Creek. Ma i residenti locali non attribuivano alcuna importanza a questa notizia, considerandola solo un panico alla luce dei recenti terribili eventi. La prima vittima di uno squalo mangiatore di uomini fu il dodicenne Lester Steewell. Quando stava nuotando con gli amici, uno squalo lo attaccò dal basso. Gli uomini locali hanno deciso di uccidere un predatore perso in acque poco profonde. Ma lo squalo li ha trovati per primi. Uno dei soccorritori era Watson Fisher, ha combattuto con il mostro. L'uomo riuscì persino a ferire lo squalo, ma rimase indietro, strappando solo parte della gamba destra dall'inguine al ginocchio. Fischer morì diverse ore dopo, diventando la seconda vittima in un'ora. Ma questi eventi non hanno allertato i residenti locali. Non lontano dalla scena della tragedia, il giorno successivo, un ragazzo di nome Joseph Dunn fu morso da uno squalo. Il predatore ha ferito la gamba dell'adolescente, ma tre amici sono stati in grado di respingerlo dal predatore. Joseph fu portato in ospedale, dove alla fine gli fu salvata una gamba. Solo due giorni dopo, lo squalo poteva ancora essere catturato nella baia di Raritan. Quando il ventre del cannibale fu aperto, vi furono rinvenuti circa 7 chilogrammi di carne e ossa umane.

Rodney Fox. Fu Rodney Fox a fare la storia come la vittima più famosa di un attacco di squalo. Il motivo è l'entità del danno ricevuto, nonché il fatto che la persona è stata anche in grado di sopravvivere. La tragedia avvenne l'8 dicembre 1953, quando Fox stava pescando dalla sua barca. Improvvisamente la nave fu attaccata da un grande squalo bianco, che morse il corpo umano e cercò di trascinarlo sott'acqua. Lo squalo lasciò andare Rodney per un momento e si scagliò ancora e ancora. Durante il secondo attacco, la mano di Fox era nella bocca del predatore, ma l'uomo è stato in grado di tirarlo fuori, anche se a costo di gravi danni. Lo squalo lasciò di nuovo andare l'uomo, scagliandogli una terza volta. Ora aveva già trascinato Fox sul fondo dell'oceano. Era quasi annegato quando lo squalo alla fine lo liberò. I soccorritori furono scioccati dalla vista della vittima. Sulla sua mano destra, le ossa erano visibili per tutta la loro lunghezza. Solo qui ho dovuto mettere 94 punti. I polmoni, lo stomaco e il torace di Fox erano gravemente danneggiati. Non è stato nemmeno rimosso dalla sua muta, poiché solo lui ha contribuito a mantenere gli interni in posizione. Questa misura, molto probabilmente, ha salvato la vita al pescatore. Entro un'ora dopo l'attacco, fu portato in ospedale, mentre Fox era pienamente cosciente e non mostrava segni di shock. Può essere considerato un miracolo che le arterie principali fossero intatte. L'operazione è durata 4 ore, per un totale di 360 punti applicati. Venendo ai suoi sensi, Fox e riuscì a raccontare la sua storia scioccante.


Guarda il video: Top 5 SHARK Close Calls (Agosto 2022).