Informazione

I criminali più ricercati

I criminali più ricercati



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Queste persone sono ricercate in tutto il mondo. La maggior parte delle loro azioni furono compiute al di fuori degli Stati Uniti.

Inoltre, per la prima volta negli ultimi anni, nessun rappresentante è stato incluso nella classifica. Per molto tempo, Osama bin Laden è stato considerato il "Criminal No. 1", ma dopo la sua morte nel maggio 2011, il signore della droga del Messico Joaquin Guzman ha superato la classifica.

Joaquin "Shorty" Guzman (nato nel 1957). Il criminale più ricercato al mondo è il capo del cartello messicano sulla droga "Sinaloa". Ora è anche incluso nella lista delle 100 persone più influenti al mondo. Guzman ha iniziato la sua carriera nel settore della droga come studente di Miguel Gallardo, il leggendario signore della droga degli anni '80. All'inizio del XXI secolo, Guzman era già in prigione, ma fuggì da lì in un cestino per la biancheria sporca. Da allora, il signore della droga si è nascosto alle autorità sulle montagne nel nord-ovest del Messico. E i suoi subordinati stanno conducendo una guerra crudele e sanguinosa per sfere di influenza non solo con i concorrenti, ma anche con l'esercito e la polizia del paese. Le spedizioni di cocaina e marijuana continuano a guadagnare miliardi di Guzman. Oggi è stato annunciato un premio di $ 5 milioni per la cattura di Guzman. Questo è uno dei più grandi riconoscimenti nella storia della lotta alla mafia della droga.

Ayman al-Zawahiri (nato nel 1951). Dopo la morte di Osama, fu Ayman a diventare il leader della rete terroristica di al-Qaeda. Per molto tempo fu la seconda persona in questa organizzazione. Ayman è nato in Egitto e si è formato come chirurgo. Negli anni '70, il giovane si unì al gruppo estremista della Jihad islamica, mentre nel 1981 al-Zawahiri fu arrestato come complice dell'assassinio del presidente del paese. Rilasciato, Ayman ha continuato le sue attività terroristiche. Ha guidato un gruppo di afgani egiziani che si sono uniti ad al-Qaeda. Alla fine degli anni '90, fu Zawahiri a organizzare i bombardamenti delle ambasciate americane in Kenya e Tanzania. Nel 1996, il terrorista, insieme ai suoi compagni d'armi, visitò la Cecenia e finì addirittura in prigione. Tuttavia, è stato rapidamente rilasciato. Immediatamente dopo gli eventi dell'11 settembre 2001, l'Interpol emise un mandato di arresto per Zawahiri. In Egitto, è stato condannato a morte in contumacia.

Davud Ibrahim (nato nel 1955). Questo indiano è a capo di una grande organizzazione di diramazione criminale D-Company. I suoi interessi sono ampi, ha penetrato tutte le aree criminali, dal traffico di stupefacenti alle uccisioni per contratto. Le principali attività del sindacato sono svolte in India, Pakistan e Emirati Arabi Uniti. L'FBI afferma che Ibrahim lavora a stretto contatto con al-Qaeda, nonché con la sua filiale dell'Asia meridionale, Lashkar-e-Taiba. È questo criminale ad essere accusato degli attacchi terroristici alla città di Mumbai nel 1993 (257 persone sono state uccise e 713 ferite) e nel 2008 (166 persone sono morte). Secondo i dati disponibili, l'organizzazione di queste azioni è stata condotta dal Pakistan, dove Ibrahim risiede permanentemente sotto la copertura di servizi speciali locali. Islamabad stessa rifiuta categoricamente tali informazioni.

Semyon Mogilevich (nato nel 1946). L'imprenditore russo ha anche la cittadinanza di Ucraina, Ungheria e Israele. Già negli anni '70, Semyon fu processato per acquisti illegali di oro, valuta e frodi. Dopo aver prestato servizio, Mogilevich mise insieme un gruppo di stazioni. La ristrutturazione gli ha permesso di organizzare un'attività legale: il trasporto di merci, una rete di servizi igienici a pagamento. Nel 1988, Mogilevich si trasferì in Ungheria, dove col tempo divenne proprietario di decine di locali notturni e fabbriche di armi. I locali notturni divennero luoghi di ritrovo e le fabbriche producevano prodotti per il contrabbando. Allo stesso tempo, il criminale non ha perso il contatto con la sua terra natale. Nel 1994, alla riunione dei più grandi boss criminali del mondo in Italia, Mogilevich rappresentò tutta la CSI. Nel 1995, fu aperto un procedimento penale contro Mogilevich in Inghilterra per il riciclaggio di decine di milioni di dollari, alcuni anni dopo anche gli Stati Uniti si interessarono agli affari del nostro connazionale. Secondo le agenzie di intelligence, Mogilevich potrebbe aver scambiato armi nucleari. L'autore ha lasciato l'America, in fuga da $ 10 miliardi di accuse di riciclaggio. Le autorità russe si rifiutarono di estradare Mogilevich alle autorità americane. Secondo alcune indiscrezioni, era lui il proprietario ombra delle società RosUkrEnergo e Eural Trans Gas, che forniva gas all'Ucraina. Nel 2008, Mogilevich è stato arrestato a Mosca con l'accusa di evasione fiscale. Tuttavia, l'uomo d'affari è stato rapidamente rilasciato e il suo caso è stato chiuso. L'America promette 100 mila dollari a chiunque contribuirà all'arresto di Semyon Mogilevich.

Nasser Al-Wahishi. Questo criminale ha la doppia cittadinanza - Yemen e Stati Uniti. È uno dei leader del ramo di al-Qaeda nella penisola arabica. Era Al-Wahishi che era coinvolto nel reclutamento di nuovi dipendenti, nella loro formazione nei campi e nella pianificazione di nuovi attacchi. Nel 2006, l'autore è stato arrestato in Yemen e accusato di rapimento per riscatto. Ma solo un anno dopo, Al-Wahishi è stato rilasciato, ora si nasconde in Yemen. Le autorità statunitensi ritengono che sia responsabile di una serie di importanti attacchi terroristici nella regione. Dopo la morte di Bin Laden, Al-Wahishi dal sito web della sua organizzazione ha ufficialmente minacciato il mondo intero con una nuova ondata di violenza.

Matteo Messina Denaro (nato nel 1962). Questo mafioso siciliano ha preso il soprannome di Diabolic ("diabolico") dal nome del personaggio dei fumetti. Matteo è nato in una famiglia criminale, suo padre era il capo del distretto ed era il capo della commissione mafiosa di Trapani. Già all'età di 14 anni, il giovane conobbe il fucile e commise il suo primo omicidio a 18 anni. Denaro, secondo lui, uccise circa 50 persone e l'eliminazione di un rivale, il capo Vincenzo Milazzo, insieme alla sua ragazza incinta, gli diede una crudele reputazione. Dopo la morte di suo padre nel 1988, Matteo prese il suo posto, espandendo infine i confini della sua gestione criminale. Nel 1993, una serie di esplosioni ha tuonato - così la mafia ha deciso di mostrare allo stato e ai giornalisti chi è il capo della casa. Successivamente, Denaro è stato costretto ad andare sottoterra. Quando Bernardo Provenzano fu arrestato nel 2006, fu Matteo a nominare il nuovo capo di Cosa Nostra. Le attività dei mafiosi hanno attirato l'attenzione dell'FBI, perché lavora con i cartelli della droga colombiani, la mafia in America e in Sudafrica. La rete illegale si estendeva in Belgio e Germania. Lo stesso Matteo ha la fama di bruciatore di vita. Mafioso ha un debole per le donne, macchine costose, orologi e vestiti, può giocare per ore al computer.

Alimzhan Tokhtakhunov (Taiwanchik) (nato nel 1949). Questo uomo d'affari russo è noto per il suo patrocinio, oltre alla cultura, adora il calcio. Tokhtakhunov ha anche l'Ordine della Legione d'Onore per aiutare la cultura della Francia. Alimzhan ha trascorso la sua giovinezza a Tashkent, dove ha incontrato il futuro oligarca Mikhail Cherny, consigliere di Eltsin, allenatore di tennis Shamil Tarpishchev. Negli anni '80, Alimzhan iniziò la sua carriera criminale come giocatore professionista di carte, diventando uno dei "katals" più famosi del tardo periodo sovietico. Dal 1989 Taiwanchik è residente in Germania e nel tempo ha ricevuto la cittadinanza israeliana. Poi c'era la Francia, Monte Carlo, Italia. Nel 2002, ai Giochi olimpici di Salt Lake City, è scoppiato uno scandalo: Tokhtakhunov è stato accusato di aver truccato i risultati delle competizioni di pattinaggio artistico. I rappresentanti del CIO non hanno rivelato il senso di colpa del russo e le autorità italiane hanno rifiutato di estradarlo negli Stati Uniti. Lì, molte domande si sono accumulate per Taiwanchik. Le autorità americane lo accusano di spaccio di droga, armi e auto rubate. Di conseguenza, Alimzhan è tornato a Mosca nel 2003. Il procedimento penale negli Stati Uniti non è stato chiuso, il che rende impossibile viaggiare nella maggior parte dei paesi. Di recente, Tokhtakhunov ha iniziato a visitare frequentemente l'Ucraina, approfittando del fatto che non ha un trattato bilaterale di estradizione statunitense.

Felicien Kabuga. Nel 1994, il Ruanda ha subito un massiccio spargimento di sangue, che è diventato una macchia di lutto nella storia del paese. Per diversi decenni, c'è stata una guerra civile nel paese basata su contraddizioni etniche tra le tribù Tutsi e Hutu. Il segnale del genocidio fu l'incidente aereo con il presidente del paese il 6 aprile 1994. La stazione radio del magnate dei media africano Felicien Kabuga ha lanciato un appello alla tribù Hutu per reprimere i propri nemici. Di conseguenza, i sostenitori del presidente hanno ucciso oltre 800 mila tutsi etnici, nonché alcuni hutu politicamente moderati, accusandoli di simpatia. Un'ondata di arresti, dolori, stupri, tragedie si diffuse in tutto il paese. Centinaia di migliaia di residenti sono fuggiti dal paese. Lo stesso Kabuga armò i suoi sostenitori con machete e zappe, fornì loro il trasporto per un rapido movimento. Secondo il rapporto delle Nazioni Unite, oltre 100 mila bambini sono rimasti orfani nel solo paese. Il Tribunale internazionale non ha potuto ignorare il genocidio, chiedendo di trasferire i più responsabili di quegli eventi. Tuttavia, le autorità del paese non hanno il coraggio di estradare il ricco uomo d'affari Kabuga. Gli Stati Uniti hanno offerto $ 5 milioni per qualsiasi informazione che abbia portato all'arresto di Felicien o di uno dei suoi complici.

Joseph Koni (nato nel 1962). Koni guida l'Esercito di resistenza del Signore. Questo gruppo armato ha cercato per un paio di decenni di stabilire il dominio di una dittatura cristiana in Uganda basata sulla Bibbia e sui 10 comandamenti. Joseph iniziò come sacerdote cattolico. Non poteva stare lontano dalla politica e guidò la rivolta nel 1987. Per un certo periodo è stato associato al cugino guaritore. Dopo la sua morte, Koni si è dichiarato l'incarnazione dello Spirito Santo. Tuttavia, le azioni dell'esercito regolare ugandese, supportate dal Sudan, dalla Repubblica Democratica del Congo e dalle Nazioni Unite, hanno recentemente ridotto in modo significativo il potere dell'esercito Kony. Le truppe di Joseph possono svolgere solo attività partigiane: attaccano piccoli villaggi, spingono i contadini in schiavitù e bestiame. Il fatto che Joseph Koni sia ancora vivo è diventato il motivo della leggenda della popolazione locale che sa come fermare i proiettili.

Doku Umarov (nato nel 1964). Doku si è laureato in ingegneria civile, negli anni '80 è stato condannato per omicidio colposo. Nel 1992, è stato accusato dell'omicidio premeditato di due persone. Nascondendosi dalla giustizia, Umarov andò in Cecenia, dove le fiamme della guerra divamparono. Umarov fece rapidamente carriera lì, prima guidando un distaccamento di militanti, e poi diventando un generale di brigata. Nel governo di Maskhadov, Umarov era il segretario della sicurezza nazionale, ma rapidamente litigò con lui. Durante la seconda campagna cecena, Umarov fa di nuovo passi attivi: rapisce le persone per riscatto, attacca gli insediamenti e fa esplodere le case. Nel 2006, Doku Umarov divenne presidente dell'autoproclamata repubblica dell'Ichkeria. Oggi Umarov è il leader dei separatisti ceceni. Le autorità hanno già denunciato la sua morte sette volte, ma le informazioni erano errate ogni volta. È Umarov a sostenere gli attacchi terroristici più forti in Russia negli ultimi anni: l'esplosione del Nevsky Express, le esplosioni nella metropolitana di Mosca nel 2010. All'inizio del 2011, Umarov ha annunciato che è stato lui a organizzare l'attacco terroristico a Domodedovo. Oggi gli Stati Uniti promettono un premio di $ 5 milioni per la cattura di Umarov e la Russia promette lo stesso importo. Attualmente, il terrorista vive in Turchia, ricevendo assistenza medica lì.


Guarda il video: I 5 Criminali più ricercati dItalia (Agosto 2022).