Informazione

Depressione

Depressione



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Depressione (lat. Depressio - soppressione, oppressione) 1) uno stato d'animo caratterizzato da una sensazione di inadeguatezza, un senso di disperazione, ridotta attività o reattività, pessimismo, tristezza e sintomi correlati; normale, relativamente breve e frequente; 2) disturbo mentale, i cui principali segni sono persistenti a lungo termine (almeno 2 settimane), diminuzione dell'umore, una sensazione di malinconia, un senso di disperazione.

Di norma, è accompagnato da ritardo motorio (a volte agitazione), pensiero lento, ansia, idee di auto-colpa, disturbo del sonno (risveglio mattutino), appetito alterato, diminuzione della libido. Una riluttanza a comunicare e accettare l'aiuto degli altri è caratteristica. In alcuni pazienti, vengono alla ribalta lamentele di problemi di salute fisica (perdita di peso, costipazione, ipertensione arteriosa, palpitazioni, dolore al petto, alla testa, all'addome, alle articolazioni o alla schiena).

Esistono varianti estremamente gravi (malinconiche) e relativamente lievi (distimia). La grave depressione è molto pericolosa a causa dell'elevata probabilità di suicidio. La depressione non è considerata una malattia indipendente, ma funge da manifestazione di molte malattie mentali (psicosi maniaco-depressiva, schizofrenia, intossicazione, alcolismo, malattie causate da traumi mentali, ecc.).

In proporzioni approssimativamente uguali, ci sono casi di depressione associati a stress, grave perdita psicologica (depressione reattiva) e che si verificano senza motivo sullo sfondo di un completo benessere psicologico (depressione endogena). In ogni caso, la depressione è considerata un disturbo molto favorevole, poiché risponde bene al trattamento, a volte scompare spontaneamente.

La depressione endogena è soggetta ad attacchi ricorrenti. Per il trattamento vengono utilizzati farmaci psicotropi (antidepressivi), terapia elettroconvulsiva e psicoterapia. In conformità con la legge della Federazione Russa, la diagnosi e il trattamento dei disturbi mentali vengono effettuati da uno psichiatra.

Sanno così poco della depressione nel nostro paese e le idee esistenti al riguardo sono così distorte che è persino strano scrivere sui miti. In realtà, tutto ciò che è noto alla persona media su questa malattia è un mito continuo.

In autunno, il desiderio attacca solo i piagnucoloni della vita. Le persone che generalmente non sono inclini alla depressione, da qualche parte nel 5-7% della popolazione totale. In psichiatria, questi fortunati sono chiamati "nature soleggiate". Tutto il resto, ahimè, diventa malinconico di volta in volta. All'inizio dell'autunno si sentono psicologicamente a disagio (e senza una ragione apparente):
- Personalità ciclotimiche: persone abbastanza sane, ma inclini a sbalzi d'umore irragionevoli, troppo sensibili per natura. In autunno, tutto cade dalle loro mani, una rottura, un'irritabilità lacrimosa e mal di testa. Ci sono circa il 20% di queste persone;
- persone con vegetazione debole. Hanno in primo luogo attacchi di distonia, sbalzi di pressione e, di conseguenza, un umore depressivo. Ce ne sono circa il 15%;
- esiste anche un gruppo speciale di depressioni, che sono spesso "messe in moto" in bassa stagione - dipendenti dall'ormone. Le loro "prede" sono persone durante i periodi di shock ormonali (gravidanza, menopausa), che soffrono di malattie della tiroide.

La depressione è sempre responsabile di stress acuto o shock. Molto dipende dallo psicotipo. Lo stress acuto può causare depressione post-traumatica, ma non è raro che lo shock interrompa un attacco depressivo. Altri tipi di malinconia si basano spesso sull'accumulo di negatività. A volte, per "rilassare" la spirale della malattia, lo psicologo deve "riavvolgere" la vita del paziente diversi anni fa. Per qualcuno, lo stress prolungato ha manifestazioni puramente mentali: depressione aperta, sviluppo di fobie (tutti i tipi di paure). E in qualcuno provoca malattie degli organi interni. Questo è ciò che gli psichiatri chiamano depressione mascherata o somatizzata ("soma" - corpo).
Nelle persone coleriche, lo stress è spesso mascherato da disturbi cardiovascolari (ipertensione, malattia coronarica, attacco cardiaco), ulcera duodenale, problemi urologici.
Nei pazienti malinconici, la depressione può provocare ulcere allo stomaco, condizioni di asmoide, neurodermite. Le persone sanguigne e le persone flemmatiche sono meno inclini alle malattie sulla base dei nervi.

La depressione non ha bisogno di essere trattata in quanto non è una malattia. È diffusa la convinzione che la depressione non sia nulla, una questione di tutti i giorni e talvolta succede a tutti. O anche qualcuno non ha niente da fare, quindi si mette in mostra. Questa non è affatto una malattia, solo una persona stessa dà sfogo al suo cattivo umore. E dal momento che non è una malattia, ma una sorta di coccole, non è necessaria alcuna medicina per la depressione. In effetti, la depressione è una vera malattia. E la malattia è grave, anche con un possibile esito fatale. Non per niente la maggior parte dei suicidi è attribuita a disturbi dell'umore. Naturalmente, una persona può far fronte da sola a una lieve forma di depressione, ma nei casi più gravi, senza trattamento, la depressione può durare per anni, intensificarsi e trasformarsi in qualcosa di ancora più grave, ad esempio la psicosi maniaco-depressiva.
Qui tutto è come con qualsiasi altra malattia, ad esempio con l'influenza: puoi "dormire", puoi persino "ripassare" secondo il principio "passerà da solo", ma c'è sempre il rischio che senza un aiuto professionale il caso finisca in gravi complicazioni e in ospedale. In generale, è meglio consultare immediatamente il medico e lasciargli decidere ciò che è ora necessario: bere il tè con miele o iniziare immediatamente a prendere farmaci antimicrobici. È lo stesso con la depressione. Una persona non può valutare autonomamente le sue condizioni. A differenza dell'influenza, che letteralmente tutti hanno esperienza nel trattamento, anche gli amici e la famiglia non aiuteranno con la depressione. Devi contattare uno specialista. È qui che emerge un altro mito maligno.

La depressione è per sempre. Non necessario. Con un trattamento adeguato di un episodio depressivo, la malattia può essere dimenticata. Per sempre.

Per superarlo, devi solo scuoterti. Esistono diversi segni chiari con cui è possibile determinare che è tempo di consultare un medico (e la depressione, a differenza del blues e della tristezza, è una malattia grave che richiede cure mediche):
- cattivo umore, affaticamento, incapacità di concentrazione durano più di 5-7 giorni di giorno in giorno;
- ti svegli già con malinconia, con pensieri cattivi;
- uno stato d'animo depresso non corrisponde alla situazione oggettiva, cioè si verifica sullo sfondo del benessere generale;
- il sonno è disturbato - sonnolenza diurna o sonno notturno intenso, risveglio precoce e incapacità di riaddormentarsi;
- pensieri suicidi - diretti o velati come "tutti staranno meglio senza di me", "non è chiaro il motivo per cui vivo", ecc.

Vale la pena contattare un medico, saranno nutriti con antidepressivi. Con la depressione, gli antidepressivi non sono sempre necessari! È importante un approccio integrato: psicoterapia più dosi di farmaci selezionate individualmente. Non esiste uno schema universale: le depressioni asteniche vengono trattate con stimolanti, quelli ansiosi - con sedativi. Il paziente non può essere caricato di droghe: è già confuso e depresso. Per normalizzare i processi profondi nel sistema nervoso, sono necessarie micro dosi di tranquillanti e neurolettici. Dei fondi generali per sostenere il corpo, sono necessarie tutte le vitamine del gruppo B, C, acido folico, nonché i complessi con calcio e magnesio, selenio e lecitina.
Non puoi selezionare autonomamente farmaci psicotropi per te stesso. Alcuni di loro, se mal gestiti, al contrario, approfondiscono la depressione! Questi medicinali includono:
- neurolettici della serie clorpromazina (clorpromazina, triftazina). Sono progettati per alleviare l'eccitazione, il delirio. Come effetto collaterale, possono causare depressione apatica, depressione, malinconia;
- buterofenoni (aloperidolo, trisedil). Può causare diminuzione dell'umore e pignoleria;
- tranquillanti della serie benzodiazepina (seduxen, valium, phenazepam). Di solito ben tollerato, ma può causare letargia;
- antipsicotici atipici (seroquel, rispolept, azaleptin). Causa indifferenza, indifferenza verso eventi circostanti;
- antidepressivi - sì, sì, possono anche provocare depressione in caso di sovradosaggio o errore nella diagnosi. Ad esempio, se il medico ha scambiato i disturbi volitivi (abulia) per la depressione nevrotica.

Gli antidepressivi sono pericolosi per la salute. Devo dire, non proprio un mito. Anche i farmaci moderni e piuttosto umani progettati per combattere la depressione possono avere effetti collaterali, sebbene gli psichiatri provino a scegliere il trattamento per non aggravare i problemi dei loro pazienti. Molto spesso, gli antidepressivi causano mal di testa, vertigini, sudorazione, palpitazioni, aumento della sensibilità alla luce, perdita del desiderio sessuale, sonnolenza, diminuzione o, al contrario, aumento dell'appetito. Soprattutto, i pazienti hanno paura di quest'ultimo. Si ritiene che l'assunzione di antidepressivi possa far ingrassare una persona. Ma questo è possibile con la depressione stessa. Alcune persone temono la perdita del desiderio sessuale, ma anche con la depressione è difficile essere un gigante del sesso. Inoltre, gli effetti collaterali scompaiono immediatamente dopo la fine del ciclo di trattamento e la depressione, con i suoi sintomi spiacevoli, può durare per anni.

Gli antidepressivi creano dipendenza. Non c'è nemmeno niente da dire. Né il vecchio antediluviano, tanto meno i moderni antidepressivi lievi, non causano dipendenza fisiologica, se non solo psicologico. Ma questo non causa dipendenza psicologica. Quindi dobbiamo parlare del pericolo dell'acido ascorbico. Guarda come si siedono i bambini! Per tutto il tempo chiedono alle madri in farmacia "grandi pillole gustose".

Puoi prescrivere antidepressivi tu stesso. Le conseguenze dell'autosomministrazione possono essere diverse. Le possibilità che i farmaci aiuteranno sono scarse. E ancora meno possibilità che non danneggino. Gli antidepressivi sono sostanze altamente attive che il medico seleziona individualmente. Questo è particolarmente vero per i dosaggi.

Gli antidepressivi possono essere fermati in qualsiasi momento. Spesso, quando i sintomi della depressione diminuiscono e gli effetti collaterali sono stanchi, una persona abbandona semplicemente il trattamento. Ma questo è assolutamente impossibile da fare! Il medico non solo prescrive antidepressivi, ma deve monitorare costantemente il paziente mentre li sta assumendo.
Di solito, vengono prescritte prima piccole dosi, quindi gradualmente aumentate e quindi ridotte nuovamente prima di interrompere completamente il medicinale. Se lasci il corso del trattamento al suo apice, è possibile non solo una ripresa della depressione in una forma ancora peggiore, ma anche altri effetti collaterali divertenti: nausea con vomito, mancanza di concentrazione, vertigini - in generale, una serie completa di problemi.

La depressione è sinonimo di cattivo umore. Esistono 10 tipi più comuni di depressione, che hanno un'ampia varietà di manifestazioni:
1) Ansioso: i principali segni depressivi si aggiungono all'ansia senza causalità, alla pignoleria, all'ansia generale.
2) Asthenic - depressione dell'esaurimento. Esiste una sensazione di stanchezza, esternamente: una sfumatura di stanchezza, una persona può persino perdere seriamente peso.
3) Ipocondriaco - associato ad ansia per la loro salute, una sensazione di incomprensibile malessere, cattivi pensieri come "non ho il cancro".
4) Arrabbiato (disforico): assolutamente tutto infastidisce, l'espressione sul viso diventa scortese, uno sguardo da sotto le sopracciglia. Attacchi di rabbia si alternano a lacrime, risentimento, aggressività.
5) Brontolare: una persona geme, si lamenta, è in uno stato di malcontento cronico con tutto il mondo.
6) Travestito (nascosto) - non si manifesta sotto forma di un disturbo mentale, ma si maschera come malattie degli organi interni - cuore, stomaco, ecc.
7) Sorridere - esternamente, una persona sembra benevola, sorridente, ma sotto questa maschera c'è indifferenza (oh, lasciami tutto ...), desiderio e angoscia. La forma più pericolosa in termini di suicidio.
8) Apatico: completa indifferenza per l'ambiente, non voglio nulla, "niente piace, non fa male ...".
9) Anedonico: perdita di un senso di gioia, sazietà per le emozioni, sensazione di impasse mentale. Depressione di grandi imperatori e uomini d'affari di successo.
10) Depressione senza depressione - in realtà, blues, milza, insoddisfazione di se stessi e del mondo intero, dubbi, quando una persona non trova un posto per se stessa e non può decidere cosa vuole veramente.

È interessante!

Al contrario, la depressione a volte guida il successo. Questa è o disforia (depressione arrabbiata con sbalzi d'umore), in cui una persona cerca di dimostrare qualcosa agli altri nonostante la malattia. O depressione lirica, all'altezza della quale Pushkin e Goethe hanno creato i loro capolavori.


Guarda il video: DEPRESSIONE (Agosto 2022).