Informazione

Formula 1

Formula 1


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Formula 1 (Formula 1 inglese) o "Royal Formula" - il campionato mondiale annuale di corse su circuito con auto a ruote aperte. Questo tipo di corse automobilistiche è estremamente popolare ed è giustamente considerato il più high-tech e costoso del mondo.

I primi regolamenti per il campionato del mondo sono stati formulati dalle organizzazioni che hanno partecipato al campionato europeo di corse del Grand Prix (20-30 anni del secolo scorso). Tuttavia, a causa della seconda guerra mondiale, l'introduzione dei nuovi regolamenti previsti per il 1941 fu rinviata. Fu solo nel 1946 che l'International Automobile Federation (FIA) formulò finalmente le regole di Formula 1, che entrarono in vigore nel 1947. Nel 1948, la classe di Formula 2 fu aggiunta alla Formula 1, e nel 1950 - Formula 3. Inizialmente, si presumeva che il campionato del mondo fosse destinato alla classe "Formula 1", il campionato dei continenti - "Formula 2", per i campionati nazionali - "Formula 3".

Il primo campionato mondiale di Formula 1 si tenne in Inghilterra sul circuito di Silverstone nel 1950. Fino al 1958, i punti venivano assegnati solo ai piloti e quindi ai progettisti di automobili. Il Campionato mondiale di Formula 1 è costituito da fasi separate (Grand Prix), che si svolgono da marzo a ottobre da venerdì a domenica e consistono in corse libere, qualifiche e gare, con piloti individuali e squadre in competizione. Una stagione può consistere in un numero variabile di Grand Prix (da sette (1950) a diciannove (2005)). Il vincitore del campionato viene svelato alla fine dell'anno, ai piloti viene assegnato il titolo di Campione del mondo e alla squadra viene assegnata la Designers 'Cup. Inoltre, ci sono premi non ufficiali (il cosiddetto "Bernie's" (in onore di Bernie Ecclestone, un uomo d'affari inglese che è in realtà il capo della Formula 1)) nelle seguenti nomination: "Best Newcomer", "Best Racer", "Best Track", " La scelta dei piloti "(i vincitori sono scelti dai piloti stessi).

La Formula 1 è un normale evento sportivo, uno spettacolo interessante, niente di più. Naturalmente, questo tipo di gare è uno spettacolo molto eccitante, ma non bisogna dimenticare il contributo dei team allo sviluppo di auto e auto in generale. Le idee originali dei progettisti di auto da corsa (ad esempio il sistema di controllo della trazione) contribuiscono allo sviluppo dell'ingegneria meccanica, ma va notato che negli ultimi anni il ruolo della Formula 1 come promotore di innovazioni progressive nel settore automobilistico è leggermente diminuito. Il fatto è che per introdurre alcune soluzioni tecniche, sarà necessario apportare molte modifiche alla progettazione e ai metodi di creazione delle macchine seriali, inoltre, gli organizzatori della serie si sforzano di ridurre i costi dei team, che a volte rappresentano un grave ostacolo alla realizzazione di una o un'altra idea ingegneristica.

Il Gran Premio di Formula 1 dura tre giorni. Questo è generalmente vero, ma c'è un'eccezione. Il Gran Premio di Monaco non dura tre, ma quattro giorni. Le corse gratuite si svolgono giovedì e le squadre ospitano feste ed escursioni il venerdì.

Le auto utilizzate nelle gare sono fornite dallo sponsor, infatti il ​​team può utilizzare solo il motore e le gomme del partner del costruttore, ma i partecipanti alla Formula 1 devono progettare e costruire l'auto da soli. Va tenuto presente che l'auto deve essere conforme alle normative tecniche e superare la prova d'urto, che viene monitorata dagli amministratori della International Motorsport Federation.

C'è un pilota per squadra in ciascun Grand Prix. No, secondo le regole, ogni squadra ha due corridori e la colorazione delle auto deve corrispondere. Se una squadra esibisce solo una macchina o non parte affatto, viene punita con una multa.

Le auto sono così veloci che sono abbastanza capaci di guidare anche sul soffitto. Questo non è del tutto vero. In effetti, la velocità di un'auto utilizzata nelle corse di Formula 1 supera i 300 km / h, pertanto l'auto è in grado di generare una deportanza superiore al suo peso, ad es. potrebbe potenzialmente rotolare attraverso il soffitto. Tuttavia, è necessario tenere presente che il serbatoio del carburante e il motore sono progettati tenendo conto dell'azione di gravità, pertanto non saranno in grado di lavorare in una posizione invertita.

Le auto da corsa più veloci si sviluppano in Formula 1. La velocità delle auto non modificate sull'ovale delle piste di Formula 1 sarà probabilmente leggermente inferiore rispetto a quella delle auto che partecipano alla "Indy Car" (Serie IndyCar - Serie di auto da corsa americane con ruote aperte, da cui prende il nome le gare) o NASCAR (National Association of Stock Car Auto Racing). Tuttavia, la dinamica di accelerazione (2 g), frenata (4-5 g) e curva (oltre 4 g) nelle auto di Formula 1 sono davvero le migliori al mondo.

Le auto da corsa di Formula 1 sono realizzate con gli stessi materiali utilizzati nella produzione di auto. Naturalmente, il più delle volte, per creare un'auto da corsa, un team si occupa delle leghe convenzionali, tuttavia, se è richiesto dalla sicurezza del pilota o per qualsiasi altro scopo, vengono utilizzate tecnologie composite avanzate utilizzate nell'industria aerospaziale.

Cambiamenti nelle normative tecniche e test più brevi possono ridurre significativamente i costi di squadra. Non sempre. Dopotutto, se, a seguito di modifiche alle normative tecniche, è vietato utilizzare uno o l'altro materiale o composizione, il team deve dedicare molto tempo, impegno e denaro per trovare un sostituto. I team di grandi dimensioni si adattano abbastanza rapidamente a questo stato di cose, ma i team di piccole dimensioni preferirebbero la stabilità. Neanche i test di divieto sono un'opzione. Infatti, al fine di garantire la massima sicurezza del pilota e prevedere il comportamento della vettura in una determinata situazione, i test dovranno essere sostituiti dalla simulazione al computer, che dovrà nuovamente spendere un sacco di soldi.

Affinché un nuovo team abbia successo, è meglio copiare il design dell'auto del team principale. No, è meglio progettare l'auto da soli. In primo luogo, alcune parti dell'auto, nascoste dal corpo, sono semplicemente invisibili a un osservatore esterno. In secondo luogo, anche i dettagli molto evidenti funzionano meglio solo in combinazione con il resto; presi separatamente, perdono il loro significato e funzionalità. E, infine, dall'esterno è abbastanza difficile determinare tutte le caratteristiche strutturali dei materiali utilizzati, soluzioni ingegneristiche, ecc.

A volte i team spendono milioni per aumentare la velocità di un'auto di un decimo di secondo. Questo non è vero. Le squadre non hanno l'abitudine di buttare un sacco di soldi nello scarico per un piccolo aumento di velocità. I progettisti di automobili non parteciperanno a questo o quel progetto se, secondo i loro calcoli, non danno il risultato corrispondente e non pagano con una vittoria.

La cosa principale per un progettista di auto è scegliere il giusto numero di chiglie. In effetti, la scelta tra una o due chiglie non è una domanda così grande. Naturalmente, esternamente, le auto con un numero diverso di chiglie sono molto diverse tra loro, ma né l'aerodinamica né le caratteristiche dell'auto hanno un grande impatto.

È meglio usare la fibra di kevlar nella costruzione dell'auto: sia la resistenza che la sicurezza aumenteranno molte volte. Il Kevlar viene utilizzato per creare giubbotti antiproiettile, ma questo materiale non è sempre conveniente per l'uso in un'auto da corsa. In effetti, sotto l'influenza della luce ultravioletta, le fibre di Kevlar diventano fragili, si rompono, formando frammenti taglienti, che rappresentano un potenziale pericolo per il ciclista. Pertanto, sebbene venga utilizzato questo tipo di fibra, non è così frequente.

Le sospensioni in fibra di carbonio si rompono troppo facilmente, soprattutto se la corsa è ruota a ruota. Durante le gare, le auto a volte si scontrano con le ruote. Allo stesso tempo, un impatto di tale forza, da cui si rompe la sospensione in carbonio, non sarà in grado di resistere alla sospensione in acciaio.

L'angolo di campanatura dei cilindri dovrebbe essere il più ampio possibile, perché in questo caso il baricentro viene abbassato, garantendo la massima stabilità e manovrabilità della vettura. Dopotutto, la parte più pesante del motore è l'albero motore, che deve essere sollevato all'aumentare dell'angolo di campanatura. Di conseguenza, il baricentro del motore è più alto. E lavorare con un tale motore è un po 'più difficile. Pertanto, i progettisti considerano l'angolo di campanatura ottimale dei cilindri 90?

La cosa principale per un'auto in Formula 1 è l'aerodinamica. No, il risultato dipende principalmente dalla corretta selezione di pneumatici e dalla qualità della loro aderenza in pista. L'aerodinamica, tuttavia, è tanto importante quanto fornisce il carico aerodinamico attraverso le gomme.

Le ali sono la fonte del carico aerodinamico. Questo non è del tutto vero: la maggior parte del carico aerodinamico (più di un terzo) è prodotta dal fondo dell'auto. I restanti due terzi sono forniti dalla parte anteriore, dall'ala posteriore e dal diffusore (nell'area in cui il carico aerodinamico non è regolato dalle regole).

Se la deportanza viene ridotta di un terzo, le opportunità di sorpasso aumenteranno notevolmente. Sfortunatamente, una riduzione del carico aerodinamico dal 30% al 40% dal lato sarà poco evidente e non particolarmente efficace. Affinché le modifiche siano davvero significative, il carico aerodinamico dovrebbe essere ridotto del novanta percento, ma in questo caso i piloti dovranno rallentare la velocità delle auto per non perdere il controllo.

È vietato utilizzare l'effetto suolo nelle auto di Formula 1. Non è così: viene utilizzato l'effetto derivante dalla vicinanza del fondo dell'auto alla pista. Si ottiene attraverso l'uso di piastre terminali che riducono la turbolenza lungo i bordi dei parafanghi, a seguito dei quali il flusso d'aria spinge la macchina contro la strada. L'unica cosa proibita sono le "gonne" scorrevoli, che hanno contribuito all'effetto di "attaccare" l'auto alla pista.

Minore è il gioco, migliore è la prestazione aerodinamica. Idea sbagliata. Al fine di creare bassa pressione e, di conseguenza, deportanza, ci deve essere un certo spazio sotto la macchina, per niente minimo.

Tutti gli elementi aerodinamici creano deportanza. Questo non è il caso: dopo tutto, le parti aerodinamiche formano un unico insieme, ognuna delle quali svolge funzioni specifiche quando è installata sull'auto. Pertanto, alcune superfici sono progettate per creare portanza: sono loro a dirigere più efficacemente il flusso d'aria verso la parte posteriore della macchina, creando la stabilità necessaria.

Il cambio viene effettuato manualmente dai piloti, infatti sono proibite le trasmissioni automatiche in Formula 1 - i piloti usano un semiautomatico. Il ciclista usa una leva per indicare quale marcia selezionare. L'unità di controllo elettronica e l'idraulica della macchina obbediscono ai suoi ordini, ma un comando che potrebbe danneggiare la trasmissione verrà annullato.

Le vetture di Formula 1 hanno mantenuto il controllo dell'avviamento: i piloti hanno semplicemente rimosso il pulsante per accenderlo dal volante, lasciando intatto il sistema di controllo del lancio. Dopo il controllo di avvio vietato dalla FIA, il ciclista esegue tutto manualmente, esercitando il controllo attraverso l'idraulica e l'elettronica.

Solo gli uomini partecipano alle gare di Formula 1. Questo non è del tutto vero: le donne hanno gareggiato nel campionato del mondo in questo sport. Nell'intera storia della Formula 1, c'erano solo cinque piloti donne, e solo una di esse - Lella Lombardi, è stata in grado di segnare punti (0,5 punti per il 6 ° posto al Gran Premio di Spagna nel 1975).

I partecipanti alla Formula 1 sono superstiziosi. In effetti, i piloti cercano di evitare numeri "sfortunati". Questo è il motivo per cui il numero di auto fino al 1970 era solo pari (dal momento che in Europa, sono i numeri dispari che sono più spesso considerati portare sfortuna, ad esempio, tra gli italiani - il numero 17). L'auto numero 13 in tutta la storia della Formula 1 è stata utilizzata da solo cinque piloti (Divina Galitsa, Moises Solana, Cleve Trandell, Karel Gaudin de Beaufort, Moritz von Strachwitz) e due di loro - solo in gare di allenamento. Al giorno d'oggi alle auto da corsa non viene assegnato un tredicesimo numero, seguito immediatamente da un dodicesimo è un quattordicesimo.


Guarda il video: F1 2020 British Grand Prix Meme Review (Giugno 2022).


Commenti:

  1. Bainbridge

    il assurdo da ciò che questo

  2. Lind

    È un'idea eccellente

  3. Beceere

    Hai torto. Sono sicuro. Propongo di discuterne. Inviami un'e -mail a PM.



Scrivi un messaggio