Informazione

Isaac Newton

Isaac Newton



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Isaac Newton (1642-1727) è una delle persone più famose nella storia dell'umanità. Questo fisico, matematico, astronomo e meccanico è uno dei fondatori della fisica classica. Fu Newton a formulare la legge della gravitazione universale, le sue leggi costituirono la base della meccanica moderna. Lo scienziato è stato coinvolto nell'emergere del calcolo differenziale e integrale, ha creato la teoria del colore, gettato le basi dell'ottica fisica.

Sono trascorsi quasi 300 anni dalla sua morte, ma appare più come un mito che come una persona reale. Un genio scientifico semi-divino era un pazzo alchimista, un oscuro pensatore solitario che si rivelava un fanatico religioso appassionato: i miti di solito hanno un granello di verità, ma quanto c'è nel caso di Newton? Ecco le voci più popolari sul famoso scienziato che sono state ridimensionate con l'aiuto di documenti.

Newton era un fanatico sostenitore. È noto che Newton frequentava regolarmente la chiesa. Ma dopo aver studiato al Trinity College, non è mai diventato un sacerdote. Ma per i laureati di questa istituzione, un tale passo sembrava logico. Numerosi trattati teologici di Newton forniscono una comprensione del perché lo abbia fatto. Newton credeva che la dottrina della Trinità, in cui il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo avevano lo stesso status fin dall'inizio, era il risultato di secoli di false dichiarazioni cristiane del concetto. Pertanto, questo dogma non è corretto. È interessante notare che il laureato più famoso del Trinity College si è rivelato anti-trinitario.

Newton era troppo serio e non rideva mai. Lo scienziato è diventato davvero famoso per la sua serietà, tuttavia, ci sono almeno due casi in cui ha riso. Una volta l'occasione era una battuta di uno studente che ha preso un volume di Elementi di Euclide sulla geometria. Lo studente chiese dove fosse il punto di divertimento di Isaac. La seconda volta Newton rise mentre discuteva della sua teoria secondo cui le comete inevitabilmente si schiantano contro le stelle attorno alle quali ruotano. Newton notò che questo vale non solo per le altre stelle, ma anche per il Sole. E le sue risate erano rivolte all'interlocutore, John Conduit, che credeva che la teoria non avesse nulla a che fare con noi.

Newton non era un alchimista, era interessato alla vera scienza. In effetti, un decimo delle circa dieci milioni di parole registrate dallo scienziato era dedicato specificamente all'alchimia. Ci sono alcuni trattati personali originali su questo argomento nell'archivio. Ma Newton ha analizzato in dettaglio altri autori e il loro lavoro. Gli archivi contenevano molte copie delle opere di alchimisti, ricette, registrazioni di esperimenti. Questo materiale ha sorpreso molti biografi dello scienziato. Si meravigliarono di come una mente così potente, impegnata nello studio del mondo materiale, potesse affondare in un censimento di spregevoli, ovvi ciarlatani. E se alcuni biografi provano a mettere a tacere questo fatto, altri chiamano Newton "l'ultimo mago" e non "il primo scienziato".

Newton non considerava le comete importanti per la vita. Nel terzo libro dei suoi "Elementi", lo scienziato ha scritto che il vapore rarefatto nelle code delle comete si trasforma sulla Terra sotto l'influenza della gravità. Qui è necessario preservare il mare e i liquidi. Molto probabilmente, sono le comete che sono responsabili di quello "spirito" che costituisce la parte invisibile e utile della nostra aria. Ecco come viene mantenuta la vita sulla Terra.

Newton era un genio autodidatta che da solo ha fatto tutte le sue scoperte. Secondo questo mito, nel 1665-1667, Newton, in attesa della pestilenza nella sua casa di Woolsthorpe, fece le sue principali scoperte nei soli campi della fisica, dell'ottica e della matematica. Uno dei tesori principali trovati dagli scienziati nel lavoro di Newton è la prova del suo genio scientifico e dei metodi usati per fare scoperte. L'intelletto dello scienziato era speciale rispetto agli altri suoi contemporanei. È vero che il 23enne Newton è stato in grado di fare una svolta sorprendente nel calcolo e nelle teorie della gravità e della luce durante la sua pausa al college causata dalla peste. Le prove di queste scoperte sono nei quaderni che lo scienziato ha conservato. Ma ci sono gli stessi diari degli anni degli studenti. Mostra che Newton ha letto molto, scritto e analizzato le opere di importanti matematici e scienziati naturali. Molte delle scoperte successive Newton deve precisamente ai suoi predecessori.

Newton non ha studiato numerologia. Per lo scienziato, la Bibbia era di particolare interesse, non solo come principale testo religioso, ma anche come raccolta di indovinelli. Ha cercato di identificarli con l'aiuto della numerologia. In uno dei suoi trattati teologici, Newton dichiara che il Papa è l'Anticristo. Questa affermazione si basa sull'apparizione nella Scrittura del numero della Bestia, 666. In un'altra opera, Newton scrive sul significato del numero "7", che è prominente in Apocalisse.

Newton aveva una cattiva calligrafia, come tutti i geni. La calligrafia dello scienziato è chiara e di facile lettura. Ma per tutta la vita di Newton, l'ortografia è cambiata. In gioventù, la calligrafia era un po 'angolare, mentre nella vecchiaia divenne più aperta e arrotondata. È diventato più difficile per la ricerca non decifrare le parole scritte dallo scienziato, ma capire i suoi progetti, pieni di frammenti cancellati e integrati. Lo scienziato ha lasciato molti documenti molto accurati, in particolare lavora sulla storia della chiesa. Alcune note erano così pulite che i ricercatori si innamorarono dello stile di scrittura di Newton.

Newton aveva un'opinione diversa dalla chiesa sulla creazione della Terra. Newton credeva che la terra fosse stata creata in sette giorni. Ma credeva che a quel tempo la durata di una rivoluzione del pianeta fosse molto più lenta di adesso. Quindi, la giornata è durata più a lungo.

Grazie a una mela che gli cadde addosso da un albero, Newton scoprì la legge della gravitazione universale. Devo dire che lo stesso Newton ha avuto una mano nell'apparizione di questo mito. Nel tentativo di consolidare la sua eredità alla fine della sua vita, lo scienziato ha raccontato a diverse persone, tra cui Voltaire e l'amico William Stuckley, questa storia. Presumibilmente, mentre aspettava l'epidemia di peste a Woolsthorpe nel 1665-1667, Newton osservò la caduta delle mele. Ma lo scienziato non ha mai detto che il feto lo ha colpito alla testa. In questo momento, lo scienziato ha avuto due idee: le mele cadono direttamente a terra, senza deflessione, e che la gravità della Terra si estende sopra l'atmosfera. Ma queste idee non erano sufficienti per formare la legge della gravitazione universale. Alla fine si formò solo nel 1685, quando Edmund Halley chiese a Newton di calcolare le forze responsabili dell'orbita ellittica del pianeta.

Newton era vergine. È difficile discutere. Il mito stesso è nato grazie a Voltaire, che lo ha sentito dal medico dello scienziato, Richard Mead. Prima della sua morte, lo stesso Newton disse a Tom che non aveva mai dormito con una donna. Nelle sue Lettere filosofiche, il francese ha osservato che Newton non ha mai ceduto alla passione, non ha sperimentato debolezze umane comuni e non ha avuto rapporti con le donne. Durante la sua vita, Newton proclamò la sua pietà e rimproverò il suo amico Locke per aver cercato di trascinarlo in giochi d'amore. Lo scienziato ha scritto un articolo appassionato su come altre persone divine cercano di domare la loro lussuria.

Newton ha parlato in parlamento solo una volta, e anche allora con uno scherzo. Nel 1689-1690 e 1791-1792, Newton sedette in parlamento. C'è una battuta che ha parlato lì solo una volta, e anche allora, con una richiesta di chiudere la finestra dal progetto. In effetti, lo scienziato ha preso sul serio le sue responsabilità politiche, così come tutto ciò che ha intrapreso.

C'erano due buchi nella porta di Newton. La leggenda narra che lo scienziato fece un buco più grande per un gatto più grande e uno più piccolo per un altro. Così potevano entrare liberamente in casa. In effetti, Newton non aveva gatti o altri animali nella sua casa.

Newton distrusse l'unico ritratto di Hooke detenuto dalla Royal Society. La relazione tra i due maggiori scienziati era tesa. Ma questo mito sull'ostilità manifestata non è supportato da nulla. I biografi di Hooke generalmente credono che non esistessero ritratti di lui. A quei tempi, ordinare una foto del genere era un piacere costoso e Hooke mancava costantemente di fondi. L'unica cosa che può testimoniare l'esistenza del dipinto è la menzione dello scienziato tedesco Zachary von Uffenbach, che visitò la Royal Society nel 1710. Vide un ritratto di un certo Hook. Data la scarsa padronanza dell'inglese, si può presumere che si tratti di un ritratto di Theodor Haack, un altro membro della società. E questa immagine esisteva davvero e sopravviveva fino ai giorni nostri. Il fatto che i dipinti di Hooke non siano mai esistiti è dimostrato anche dal fatto che non esiste un ritratto dello scienziato nella collezione postuma delle sue opere, come in tutte le altre opere.

Newton era un astrologo. Considerando gli interessi versatili di Newton, sarebbe logico supporre la sua passione per l'astrologia. Ma nessun record è stato trovato su questo argomento. Se l'interesse esisteva, allora questa pseudoscienza deluse rapidamente Newton.

Newton era un massone. Il fatto dell'imprevisto appuntamento dello scienziato con l'incarico di amministratore della zecca rese possibile assumere i suoi alti patroni. Ma non ci sono prove documentali che Newton fosse un membro della loggia massonica o di altre società segrete.


Guarda il video: Isaac Newton - English Physicist u0026 Formulated the Laws of Gravity Mini Bio. BIO (Agosto 2022).