Informazione

Andare in barca

Andare in barca



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

La vela è uno degli sport in cui sono richieste attrezzature speciali per la competizione: barche o navi, slitte per spostarsi sulla neve (ghiaccio) o carrelli dotati di vela. Molto spesso, le gare di vela si svolgono su barche (vela, vela-motore o motore) - yacht (dagli olandesi. Jacht, da jagen - per guidare, inseguire). In questo caso, il termine "yachting" viene utilizzato per nominare questo tipo di competizione.

Le navi equipaggiate con una vela navigano in acqua da più di mille anni, ma questo tipo di equipaggiamento è stato utilizzato relativamente di recente per competizioni sportive. Inizialmente, gli abitanti dell'Olanda si interessarono molto alla vela, dopo - l'Inghilterra.

La menzione di concorsi di questo tipo si trova negli annali del 1662. I primi yacht club apparvero negli anni '50 e '60. XVIII secolo, prima in Inghilterra e alcuni anni dopo - in altri paesi europei, oltre che in Russia e in America.

Nell'ottobre 1907 fu fondata la International Yacht Racing Union (IYRU), con sede a Southampton (Hampshire, Regno Unito). Oggi questa organizzazione si chiama International Sailing Federation (ISAF) e riunisce 115 federazioni nazionali.

Le gare di vela e canottaggio più famose e su larga scala sono considerate regate (dalle regate italiane, riga - "line", "row", "iniziale"), che si svolgono per navi di diverse classi. Una delle prime regate - la competizione in gondoliere - ebbe luogo nel 1740 a Venezia, anche se questo tipo di competizione in città sull'acqua è nota dal 13 ° secolo.

Questo tipo di competizione divenne estremamente popolare e si tenne dalla metà del XIX secolo in Germania, Francia, Gran Bretagna, Belgio, Italia, Spagna, Svizzera e dalla fine del XIX - inizio XX secolo. - in Danimarca, Norvegia, Svezia, Russia, Stati Uniti, Canada, America Latina, ecc.

La famosa Henley Regatta (tenuta sul Tamigi vicino a Henley dal 1893) nel canottaggio e la Kiel Regatta (tenuta dal 1897 nella baia di Kiel del Mar Baltico al largo delle coste della Germania). Oggi, il termine "regata" viene utilizzato per indicare le competizioni veliche che fanno parte dei Giochi olimpici.

Tutte le competizioni veliche sono divise in diversi tipi:

A) per area velica:
• intorno al mondo;
• oceano;
• marino;
• Locale,

B) per tipo (classi) di yacht:
• monotipico - solo gli yacht che rispettano pienamente le regole di misurazione e sono progettati secondo principi strettamente regolamentati sono ammessi a questo tipo di competizione;
• gare di maxi-yacht - solo gli yacht con una lunghezza di almeno 30 metri (100 piedi) possono competere;
• competizione di yacht corrispondente alla formula di misurazione - le navi partecipano, il cui rapporto di diversi parametri (spostamento, lunghezza, area velica) è limitato ad un certo valore;
• regate di yacht a chiglia da crociera e gommoni - due tipi di navi partecipano a questo tipo di competizione:
• yacht da crociera (dagli olandesi. Kruiser da kruisen - "navigare lungo una determinata rotta", "crociera") - navi, caratteristiche del design (ad esempio la presenza obbligatoria di cabine), la disponibilità di alcuni tipi di equipaggiamento e il livello di fornitura che consentono di effettuare lunghe transizioni autonome;
• derive (dal tedesco Schwertboot - "una barca con una spada") - velieri che non hanno una chiglia di zavorra e sono dotati di una tavola centrale - una speciale pinna retrattile che impedisce allo yacht di andare alla deriva nel vento.
• competizione di yacht monoscafo;
• gare di catamarani (dal Tamil kattumaram - "tronchi collegati") - yacht a doppio scafo;
• gare su trimarano - navi a tre ponti,

C) per qualifica professionale:
• professionale;
• dilettante;
• misto,

D) dalla composizione dell'equipaggio:
• single - una persona gestisce lo yacht;
• comando - l'equipaggio è responsabile della nave (da 2 a 40 e più persone, a seconda del tipo di yacht);
• età - solo gli atleti di una certa età partecipano a questo tipo di competizione;
• per genere: in alcune competizioni solo gli uomini possono partecipare, in altri la squadra è formata esclusivamente dal gentil sesso,

D) per tipo di distanza:
• stage: la distanza è divisa in diversi segmenti (stage);
• viaggio - gli yacht seguono una rotta specifica, che non implica chiamate verso porti e fermate (tuttavia, se necessario, la nave può ancorare),

E) lungo la lunghezza della distanza:
• corto;
• lungo,

G) secondo le regole del concorso:
• match: il vincitore della competizione è determinato dai risultati di una serie di match tra coppie di partecipanti, ovvero ogni atleta compete alternativamente con tutti gli altri marinai che partecipano alla competizione;
• team: diverse squadre di velisti competono tra loro;
• con un trasferimento - ciascuno degli atleti a turno percorre la distanza su tutti gli yacht che partecipano alla competizione;
• handicap - le navi di diverse classi partecipano alle regate, i risultati dimostrati dagli yacht vengono ricalcolati tenendo conto dei punti di handicap, riflettendo alcune caratteristiche di una particolare nave;
• all'arrivo: vince la nave arrivata per prima al traguardo.

Le più famose regate veliche internazionali:
• L'America's Cup è una delle più antiche competizioni internazionali (basata 20 anni prima della FA Cup e 45 anni prima delle prime Olimpiadi moderne), la più famosa e prestigiosa. Al vincitore viene assegnato un calice in "metallo britannico" (una lega di stagno, antimonio e rame, placcato in argento) prodotto da Garrard & Co. nel 1848 sotto forma di una brocca senza fondo - in conformità con i requisiti della regina Vittoria. Il sovrano non voleva che il premio fosse usato come contenitore per bevande. I nomi degli yacht vincitori sono incisi sulla nave e nel 1958 e 2003 la coppa doveva essere integrata con basi per posizionare i nomi dei successivi yacht vincitori. Il proprietario di questo prestigioso premio per 132 anni è stato il New York Yacht Club, e solo nel 1983 la coppa è andata ai velisti australiani.
• Per poter partecipare alla Coppa America, è necessario vincere le qualificazioni preliminari (attualmente la Louis Vuitton Cup). Solo allora lo yacht sfidante può entrare in battaglia con i rappresentanti del paese, la cui nave ha vinto la scorsa stagione.
• Volvo Ocean Race, fino al 1997 - Whitbread Round the World Race - una regata a squadre di tutto il mondo, in cui sono ammessi gli yacht della classe Volvo 70 (scafi a scafo singolo, monoscafo, la cui lunghezza dovrebbe essere 21,5 m, pescaggio - 4,5 m). Dal 1973 al 2006, si è tenuto ogni 4 anni, oggi si svolge ogni 3 anni. Include 10 tappe oceaniche e gare brevi nelle acque di grandi città (gare portuali).
• Vendee Globe Regatta - fondata nel 1989 da Philippe Jeanteau (Francia), l'unica regata unica al mondo che non comporta l'arresto della nave da nessuna parte e la ricezione di aiuti esterni. La competizione prende il nome dalla regione francese della Vandea, la cui capitale - la città di Le Sables d'Olonne - inizia e finisce la regata, che si tiene su yacht della classe Open 60 (fino al 2004 - Open 50). Per partecipare alla regata del Wanda Globe, un velista deve dimostrare la propria competenza effettuando una traversata di qualificazione attraverso l'oceano (distanza - 2,5 mila miglia, velocità - 7 nodi) o prendere parte a una singola regata transoceanica.
• Regatta Velux 5 Oceans (Velux 5 Oceans) - una gara intorno al mondo di singoli yacht. L'idea per il concorso è stata presentata da David White (America) nel 1980. Inizialmente, la regata fu ufficialmente chiamata BOC Challenge, poiché fu sponsorizzata dalla grande società britannica BOC (British Oxigen Corp), poco dopo - da Around Alone, e dal 2006, quando la società Velux divenne sponsor della competizione, fu ribattezzata Velux 5 Oceans. La gara si svolge in 3 tappe, la lunghezza totale del percorso è di 30.000 miglia.
• La Rolex Sydney Hobart Yacht Race (Rolex Sydney Hobart Yacht Race) si tiene dal 1945, inizia ogni anno il 26 dicembre nel porto di Sydney e termina al porto di Hobart (foce del fiume Derwent, Tasmania). La competizione è organizzata dal Royal Tasmanian Yacht Club e dall'Australian Yacht Club, dal 2002 sponsorizzato da Rolex (Svizzera). Le navi possono partecipare alla gara, soddisfacendo determinati requisiti (lunghezza - da 30 a 100 piedi) e sei mesi prima dell'inizio della regata, dopo aver superato la gara di qualificazione o il passaggio in mare - almeno 150 miglia nautiche. La squadra deve avere almeno 6 persone con più di 18 anni. A bordo devono essere presenti 2 persone in grado di fornire assistenza medica qualificata e 2 operatori radio. Ogni membro dell'equipaggio deve disporre di un radiofaro di emergenza individuale (PLB o EPIRB). La Rolex Sydney Hobart Yacht Race è aperta sia ai velisti professionisti che ai dilettanti.
• La regata baltica di Tall Ships 'Races - fino al 1872 di nome Cutty Sark in onore del tagliatore inglese che percorse la rotta dall'Australia all'Inghilterra in 69 giorni. Una delle più grandi regate del mondo. Tutte le imbarcazioni a vela di lunghezza superiore a 9,14 m possono partecipare a questa competizione e, secondo la regola di base della competizione, solo i giovani di età compresa tra 15 e 25 anni possono essere membri della squadra. Le competizioni si svolgono in 3 tappe, la prima delle quali si svolge tra 2 porti, la seconda è il nuoto libero, la terza tappa è la gara stessa. Inoltre, in ogni porto, attraverso il quale passa la regata, i partecipanti ricevono un incontro solenne, seguito da vari eventi sportivi, concerti, ricevimenti, ecc., Della durata di 4 giorni e termina con una solenne sfilata dei partecipanti al concorso. Il premio principale della competizione è un modello d'argento della nave a vela Cutty Sark.

Le gare di vela sono state incluse nel programma delle Olimpiadi dal 1900 (II Olimpiade, Parigi) e da allora sono state presenti nel programma di tutte le Olimpiadi (ad eccezione dei Giochi del 1904).

La regata coinvolge navi di design simile. In effetti, gli yacht con circa pari opportunità dovrebbero partecipare alla competizione. Per un corretto confronto dei risultati, esistono diversi approcci alla selezione dei partecipanti alla regata:
• Monotipo - solo gli yacht, costruiti secondo determinati parametri, partecipano alle regate, la deviazione dalla quale comporta la squalifica;
• Handicap: la misurazione dello yacht viene eseguita secondo un determinato metodo che consente di determinare le caratteristiche della nave. In conformità con i punti di handicap assegnati inseriti nel certificato di stazza, all'inizio, gli yacht con punteggi simili vengono combinati in gruppi in cui le navi competono tra loro;
• Formula di misurazione: gli yacht devono essere progettati secondo una determinata formula di misurazione, all'interno della quale non è vietato apportare varie modifiche al progetto per migliorare le prestazioni di navigazione della nave.

La regata è una competizione sportiva in cui i partecipanti che hanno vinto i premi ricevono medaglie e ai vincitori viene assegnata una coppa. Questo è vero, ma ci sono eccezioni, ad esempio, la Regata Storica (Regata Storica) che si tiene ogni anno a Venezia la prima domenica di settembre, che è una competizione di gondolieri a una distanza di 7 km. Questa competizione fu istituita in onore dell'evento storico - l'abdicazione della regina veneziana Catherine Cornaro dal trono cipriota a favore della Repubblica veneziana, firmata nel 1489. Un incontro grandioso è stato preparato per la regina nella sua terra natale, e da allora questo evento è stato celebrato ogni anno a Venezia - prima dell'inizio della regata, si svolge una processione in costume - una cerimonia simbolica di accoglienza della regina, poi una sfilata di gondole, e solo dopo inizia la competizione. La competizione è divisa in più fasi: prima, i giovani si sfidano su gondole a due remi (pupparini), poi - donne, anche su barche a due remi (mascarete), poi - uomini su barche a sei remi (caorline) e, infine, i campioni gareggiano su barche strette e leggere ( gondolini), la cui gestione richiede notevole destrezza e grande abilità. Come premio, i partecipanti a questa regata non ricevono medaglie, ma bandiere multicolori (per 1 posto - rosso, per 2 - bianco, per 3 - verde e per 4 - blu). A volte vengono assegnati anche altri premi - per esempio, per qualche tempo il vincitore è stato un maiale vivo, ma i difensori degli animali si sono opposti a questa usanza, quindi oggi i premi nella Regata storica sono puramente simbolici.

La Coppa America prende il nome dal continente. No, questa competizione (e premio) prende il nome dalla goletta americana, che vinse una delle più prestigiose regate inglesi nel 1851.

Durante la regata intorno al mondo, tutti a bordo prendono parte alla guida dello yacht. Non sempre. Ad esempio, nella Volvo Ocean Race, ogni yacht, oltre a 10 membri dell'equipaggio, deve avere un corrispondente le cui funzioni non includano alcun coinvolgimento nella gestione della barca. Il suo compito è quello di raccogliere, preparare e inviare materiale audio, nonché una relazione fotografica e video su come è andata la gara stessa e su quanto bene sono state coordinate e corrette le azioni della squadra in una determinata situazione.

Tutti i partecipanti alla regata iniziano contemporaneamente. Molto spesso questo è vero, ma in alcuni casi è consentito un riavvio, ad esempio se si è verificato un guasto e ci è voluto del tempo per risolverlo. Alcune regate iniziano ufficialmente per un periodo piuttosto lungo - ad esempio, l'inizio della regata Globus Wande è aperto per 10 giorni, e i partecipanti alla regata Golden Globe (1968) potrebbero iniziare la competizione in qualsiasi giorno dal 1 giugno al 31 ottobre.

Il premio principale nella regata è uno. Ad esempio, i partecipanti alla regata Sydney-Hobart sono in competizione per due premi principali: il trofeo per la prima barca finita e la Tattersall Cup per il vincitore dell'handicap IRC. Nella regata del Golden Globe, c'erano anche due premi principali: una coppa per colui che per primo ha concluso la gara e una ricompensa in denaro (5000 sterline) per il velista che impiega un minimo di tempo a superare la distanza.

Solo i ragazzi alti vengono a navigare. Opinione errata: in questo sport i dati naturali hanno poca importanza. Considerando la varietà di classi di yacht, è possibile scegliere un'imbarcazione che si adatti all'altezza e al peso di qualsiasi yacht.

Non c'è posto per una donna su una nave! Piuttosto un pregiudizio persistente, ma in alcuni tipi di yachting (ad esempio, in regate intorno al mondo su yacht a vela singola), il sesso leale non è in alcun modo inferiore agli uomini.

Le competizioni olimpiche di vela si svolgono non lontano dalla città che ospita le Olimpiadi. Molto spesso, le competizioni di yacht sono tenute lontane dalla sede delle Olimpiadi. Competizioni di questo tipo si svolgono su grandi specchi d'acqua, in luoghi caratterizzati dalla massima stabilità delle condizioni del vento.

Una buona chiglia è lunga sette piedi. Opinione completamente errata. Dopotutto, la dimensione della chiglia dipende dalla classe dello yacht e dalle sue dimensioni.

Lo yacht deve avere diverse ancore. È davvero. Dovrebbero esserci tre ancore: l'ancora universale principale dell'aratro, un'ancora pesante con gambe larghe (ad esempio un'ancora Hall o Danforth), che terrà perfettamente la barca su terreni molli o sabbiosi e la terza ancora è di riserva. Inoltre, lo yacht deve avere una catena di ancoraggio lunga almeno 50 metri e una catena di scorta.

Lo scafo dello yacht ha una prua appuntita e una poppa smussata. Non necessario. Lo scopo principale dello scafo è garantire la rigidità della struttura, supportando gli alberi e le vele, nonché la capacità di accogliere l'equipaggio.Grazie alla forma specifica dello scafo, la nave può muoversi attraverso l'acqua a una velocità abbastanza impressionante, indipendentemente dalle varie condizioni meteorologiche. L'opzione più ottimale sono le navi con una forma aerodinamica con una prua affilata e una poppa smussata, tuttavia, ci sono anche yacht con una prua smussata e una poppa, o con gli elementi strutturali appuntiti sopra menzionati.

Gli yacht più veloci e più stabili sono i multiscafi. Sì, le navi a vela più veloci sono catamarani, trimarani e polimarani (ad esempio pentamarano - navi a cinque scafi). Tuttavia, va notato che questi tipi di yacht sono adatti solo a marinai esperti. Dopotutto, il catamarano e il pentamarano, con un'elevata stabilità iniziale e eccellenti caratteristiche di guida, sono soggetti a carichi piuttosto elevati sulle parti di collegamento dello scafo e talvolta ciò può portare alla distruzione dello yacht. E i trimarani sono soggetti a forti inclinazioni e sono stabili solo con un leggero rollio e in condizioni meteorologiche sfavorevoli (vento forte, onde alte) o in caso di un errore nel controllo che porta al superamento degli angoli di spoglia ammissibili, girano rapidamente.

Gli yacht moderni sono molto più veloci delle navi del secolo scorso. Questo non è vero. Alcuni yacht tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo potrebbe sviluppare una velocità leggermente superiore rispetto a quelle moderne. Tuttavia, le caratteristiche di progettazione delle barche a vela realizzate oggi consentono loro di continuare a muoversi anche con vento contrario, che in precedenza era abbastanza difficile per le navi dotate di attrezzatura per la navigazione a gaffa.

I velisti che partecipano alla regata sono costretti a mangiare esclusivamente pesce crudo. No, gli atleti di solito fanno scorta dei loro cibi preferiti, tra cui il pesce in varie forme. Esistono solo restrizioni sulle bevande gassate zuccherate: il loro uso può portare a un deterioramento del benessere in alto mare. Tuttavia, va notato che lo stock di tali prodotti non può essere molto grande: in primo luogo, alcuni prodotti hanno una durata di conservazione limitata e non è sempre possibile garantire condizioni di conservazione adeguate su un piccolo yacht. In secondo luogo, al fine di ottenere risultati elevati, è richiesta una notevole velocità dell'imbarcazione, pertanto è necessario risparmiare molto. Ad esempio, i partecipanti a regate a lungo termine possono portare con sé solo un set di biancheria intima mutevole e devono preparare in anticipo che la dieta sarà composta da vari tipi di miscele liofilizzate e prodotti istantanei che hanno una lunga durata e occupano un minimo di spazio. E i velisti non sempre hanno abbastanza tempo per pescare.

Durante la regata, gli atleti hanno l'opportunità di esaminare da vicino squali e polpi. Questo non è del tutto vero. Di tutti gli abitanti del mondo sottomarino, i velisti sono spesso accompagnati dai delfini.

Tutti i velisti sono cattivi uomini di famiglia. Certo, accadono diversi episodi nella vita, ma va tenuto presente che una persona che adora i viaggi per mare sotto la vela è più innamorata del suo yacht che di qualsiasi altro gentil sesso, assetato di avventura.

La famiglia non è impegnata nella navigazione da diporto. Quando si tratta di sport professionistici, questa affermazione è in realtà parzialmente vera. Ma tra i dilettanti, la stragrande maggioranza sono coppie sposate che escono in mare con le loro mogli e figli. In questo caso, la nave è dotata di speciali reti di sicurezza lungo il ponte, cinture di sicurezza per bambini e giubbotti di salvataggio.

La vela prevede la partecipazione a vari tipi di competizioni, regate, regate, ecc. Le persone impegnate nella navigazione da diporto possono scegliere un'altra direzione di navigazione: la crociera, che consiste nel passaggio da un porto all'altro o nella navigazione libera in alto mare. Un pioniere della crociera alla fine del 19 ° secolo. divenne Richard Tyrell Mc Mullen (Inghilterra), che da solo partì in mare con un solo obiettivo: dimostrare che un piccolo yacht, manovrato da una mano abile, è al sicuro in mare aperto durante una tempesta quanto una nave molto più grande. L'esempio di McMullen fu seguito da molti marinai e nel 1880 il Cruising Club (Royal Cruising Club) si costituì in Inghilterra. Nel 1882, questo club iniziò a pubblicare una rivista sulle attività dei marinai ed è molto popolare anche oggi. Anche il club di crociera non era estraneo allo spirito di competizione: crearono molte coppe, ad esempio la Challenge Cup (1896). I club di crociera furono anche organizzati in Scozia (1909), così come in Norvegia e in altri paesi del mondo. Oggi, la crociera è lo sport velico più popolare tra i velisti dilettanti e professionisti.

Lo yachting è estremamente difficile da imparare. Questa attività è per i professionisti. Sì, è così quando si tratta di partecipare a competizioni sportive serie. Un dilettante può padroneggiare le basi del controllo navale in 17 giorni (una settimana viene spesa per padroneggiare la teoria, altri 10 giorni per esercitazioni pratiche). Tuttavia, anche per coloro che non hanno le capacità per navigare sulla nave, c'è una via d'uscita - semplicemente per assumere uno skipper esperto, e se questo è richiesto dalle peculiarità dello yacht, quindi l'equipaggio.

La vela è un'attività estremamente pericolosa. Certo, questo sport è irto di un certo grado di pericolo. Tuttavia, va tenuto presente che, in linea di massima, gli incidenti in acqua sono causati dalla mancata osservanza - molto spesso da parte dei velisti dilettanti - delle norme di sicurezza di base. Ad esempio, in quasi l'86% degli incidenti, le persone finite in mare erano senza giubbotti di salvataggio, nel 30% dei casi l'alcol era la causa di incidenti sull'acqua, l'80% degli incidenti era causato da uno skipper inesperto senza patente. Inoltre, gli yacht non si trovano spesso in situazioni spiacevoli: il maggior numero di incidenti (42%) si verifica con imbarcazioni a motore aperte, il 27% con moto d'acqua e solo nel 14% dei casi soffrono imbarcazioni a motore con cabine e velieri.

L'ex pilota è il miglior skipper per la crociera. Molto dipende da cosa ci si aspetta esattamente dalla crociera. Se la velocità, il brivido e il lavoro sono al limite delle capacità umane, allora è davvero meglio viaggiare sotto la guida di un pilota esperto. In questo caso, molto probabilmente, dovrai sempre indossare un giubbotto di salvataggio e navigare in mare con qualsiasi tempo. E molto probabilmente il percorso sarà tracciato in linea retta. Dopotutto, l'obiettivo principale del ciclista è raggiungere la destinazione finale del viaggio il più rapidamente possibile e la bellezza della costa è di minimo interesse. Inoltre, secondo la vecchia abitudine, un tale skipper non utilizzerà un motore diesel anche se necessario, preferendo virare. Ma se lo scopo della crociera è rilassarsi, ammirare lo scenario, nuotare o persino andare a pescare, è meglio scegliere uno skipper-cruiser esperto che stabilirà la rotta appropriata, sforzandosi di garantire che il vacanziere ottenga la massima esperienza e cercherà di offrire comfort e al diesel il motore non prova disgusto.

Solo le persone molto ricche possono andare in barca a vela. Certo, se stiamo parlando dell'acquisizione di una moderna nave da crociera equipaggiata con le ultime tecnologie, il suo prezzo varia da alcune decine a diverse centinaia di migliaia di euro ed è davvero oltre i mezzi di un uomo comune per strada. Così come la costruzione di uno yacht da regata specializzato dovrà sborsare a fondo. Ma uno sportivo dilettante principiante può acquistare uno yacht usato, ad esempio una classe "micro" o un mini-yacht per circa 2000-3000 € e un catamarano per 5000 €.

Più lungo è il periodo di leasing, maggiore è l'affitto per uno yacht. Il costo del noleggio di uno yacht al giorno aumenta con una diminuzione del periodo di noleggio.

Le gare di vela più serie sono spesso frequentate da persone di mezza età, esperte e piene di forza. Ciò è particolarmente vero per gli skipper. Molto spesso questo è vero, ma la pratica dimostra che l'età non è un ostacolo alla navigazione da diporto. Ad esempio, il partecipante più anziano alla gara di Sydney-Hobart, lo skipper John Walker, ha 85 anni e i capitani più giovani, Greg Prescott e Liz Wardley, hanno 18 anni.

I principianti della nautica soffrono necessariamente di mal di mare, che di solito si manifesta in gravi attacchi di nausea. In primo luogo, anche i velisti esperti, che hanno trascorso molto tempo al timone, a volte soffrono di mal di mare causato dall'accelerazione verticale che si verifica sulla nave durante il beccheggio. In secondo luogo, la cinetosi non si manifesta necessariamente sotto forma di nausea - a volte si manifesta come appetito bruscamente aumentato, sonnolenza aumentata, compromissione della coordinazione dei movimenti, tremori (tremori) delle mani, memoria indebolita, depressione, prestazione compromessa, ecc.

Per evitare spiacevoli sensazioni durante il nuoto, dovresti seguire alcune semplici regole:
• passare più tempo possibile sul ponte e non in cabina;
• scegliere abiti caldi e confortevoli;
• assicurarsi di portare con sé pillole o medicinali omeopatici per la cinetosi (ad esempio "Bonin", "Avia-more", "Dramina", "Tonginal", "Vertigohel", ecc.);
• meno pasticciare. Secondo esperti velisti, la partecipazione personale alla gestione degli yacht è il modo migliore per sbarazzarsi del mal di mare.

Inoltre, anche prima di andare in mare, sarà utile preparare l'apparato vestibolare per carichi futuri. Saltare su un trampolino, accovacciarsi rapidamente, correre con accelerazioni e arresti improvvisi, saltare e correre con ostacoli, piegarsi in avanti e ai lati, capriole, cavalletti, girare e girare lateralmente ("ruota") in entrambe le direzioni, ecc. Aiuteranno in questo. eccetera.

Per la vela, hai sicuramente bisogno di indumenti impermeabili e scarpe speciali. Molto dipende dal tipo di navigazione di cui stiamo parlando, da quanto tempo sarà la transizione, attraverso quali mari e oceani passerà la nave, ecc. I requisiti per i velisti dilettanti, ovviamente, non sono difficili - ad esempio, se un viaggio in yacht si svolge in una calda giornata estiva e non richiede più di 1-2 giorni, sarà sufficiente una maglietta con i pantaloncini. Ma se il viaggio richiede più tempo, dovresti sicuramente prepararti al maltempo e ai cambiamenti di temperatura, che sono abbastanza comuni in alcune latitudini. La prima cosa di cui occuparsi è la presenza di una tuta impermeabile, preferibilmente realizzata sotto forma di tute monopezzo, che può proteggere da vento, pioggia e spruzzi di mare salato. Quando si scelgono abiti di questo tipo, è necessario tenere presente che è meglio acquistare un abito in tessuto "traspirante" (ad esempio "Gore-Tex", "Sympa-tex"), che funge da barriera affidabile contro il vento e l'acqua che penetra dall'esterno e allo stesso tempo il tempo permette al corpo di respirare, garantendo secchezza e comfort durante il viaggio. Per le corse costiere brevi, è adatta anche una normale tuta impermeabile, ma presenta un inconveniente significativo: la capacità di creare una sorta di "effetto serra". Di conseguenza, dopo alcune ore, il sudore si impregna in tutti i vestiti e la persona inizia a congelarsi, il che non contribuisce alla buona salute e influisce negativamente sulle prestazioni.

Sotto una tuta impermeabile, è meglio indossare biancheria intima speciale che si adatta perfettamente al corpo (preferibilmente polipropilene), e sopra di esso, per mantenere caldo, abiti realizzati con tessuti traspiranti (polartec o pile). Per quanto riguarda le scarpe, i dilettanti che si aspettano di trascorrere diversi giorni in mare con il bel tempo possono fare con le normali scarpe da ginnastica o le scarpe estive leggere (ad eccezione delle scarpe con i tacchi alti). Per un viaggio più lungo, è meglio acquistare scarpe da ponte: molto resistenti, appositamente trattate per resistere agli effetti dei liquidi e dotate di lacci in pelle. Queste scarpe morbide con la suola piatta non scivolano sui ponti bagnati e non cadono dai piedi con movimenti improvvisi. E sotto la pioggia, i modelli speciali di stivali di gomma con suola piatta in bianco (per non macchiare il ponte), dotati di una fodera in tessuto saldato, sono semplicemente insostituibili.

I velisti che effettuano un viaggio piuttosto lungo acquistano anche guanti. Il modello più adatto è la pelle sintetica con inserti in kevlar, con dita "corte", rinforzi sul fondo del palmo e doppio velcro sul polso o guanti in neoprene per la stagione fredda. Infine, sono utili gli occhiali da sole con lenti infrangibili (preferibilmente con effetto polarizzato).


Guarda il video: L ormeggio di poppa - Corso di vela - IO Navigo - Med Mooring - Solovelanet -English subtitles (Agosto 2022).