Informazione

Steve Jobs

Steve Jobs



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Gli uomini d'affari di solito non sono così famosi come i personaggi dello spettacolo. Dopo la morte di Steve Jobs nell'ottobre 2011, il mondo ha iniziato a ripensare la sua vita e le sue azioni.

Quest'uomo aveva un carattere estremamente difficile, a molti non piaceva. Ma è difficile sopravvalutare il suo contributo allo sviluppo delle tecnologie nel mondo moderno. E sebbene Steve Jobs abbia tenuto segreta la sua vita personale, grazie alla sua biografia, pubblicata dopo la sua morte, abbiamo imparato molto su di lui. Tuttavia, anche gli amici intimi non possono dire di conoscere bene Jobs. La sua vita era circondata da miti, leggende e pettegolezzi. Non è tempo di liberarsene?

Steve Jobs ha ricevuto uno stipendio di un dollaro. Si ritiene che quando Steve Jobs sia tornato alla guida di Apple nel 1997, si sia immediatamente imposto uno stipendio di un dollaro. Questo stipendio è rimasto fino al momento in cui il manager ha lasciato l'incarico nel 2011. Questa bellissima leggenda è stata replicata dai giornalisti. Ma Jobs era davvero così piccolo che i soldi non erano nemmeno abbastanza per comprare musica su iTunes? In realtà, la società ha preferito un percorso diverso per motivare i suoi top manager. Avevano diritto a incentivi e blocchi di azioni. Nelle grandi aziende, questo è generalmente un approccio abbastanza comune. Ad esempio, anche il CEO di una catena di supermercati all'ingrosso e il suo fondatore, John McKee, e il CEO di Google, Eric Schmidt, avevano uno stipendio di un dollaro nel 2008. In effetti, tutti capiscono che i guadagni di Steve Jobs erano chiaramente alti. Ad esempio, per i record delle vendite di computer nel 2000, Apple ha premiato il suo leader con un jet privato. Ma il rivestimento costa fino a $ 88 milioni. Ad aprile 2011, Jobs possedeva 5,6 milioni di azioni della società. Ciò ha permesso al manager di occupare il 136 ° posto nella lista delle persone più ricche del mondo, compilata dalla rivista Forbes nel 2010.

La Mercedes-Benz SL55 AMG di Steve Jobs non aveva targhe, il che la rese illegale. Steve Jobs era una persona piuttosto testarda e stravagante. Credeva che i numeri sulla sua macchina non fossero necessari. E ci sono almeno tre spiegazioni per questo comportamento. In primo luogo, la ricchezza del fondatore dell'azienda avrebbe potuto consentirgli di pagare un numero qualsiasi di multe. Un'altra versione afferma che Jobs era strettamente amico delle autorità della California, che ha chiuso un occhio su una tale violazione delle regole della strada e della mancanza di registrazione. In effetti, la storia ha una spiegazione semplice. Jobs ha scoperto una lacuna nella legge statale. Si scopre che l'articolo 4456 afferma che il proprietario dell'auto è obbligato a registrare l'auto entro sei mesi dall'acquisto. Steve Jobs ha firmato un contratto con la società di leasing, in base al quale ogni sei mesi ha ricevuto una nuova Mercedes SL55 AMG argento. La compagnia vendeva la macchina precedente. Molte persone volevano comprare l'auto che Jobs stesso usava. Ma alcuni ricercatori ritengono che l'intera storia sia un mito che lavora sull'immagine di Jobs, e quindi della sua intera azienda, anche dopo la morte del manager stesso. Il fatto è che la famosa Mercedes-Benz SL55 AMG è stata interrotta nel 2008 e il modello Mercedes-Benz SL63 AMG l'ha sostituita. È logico che dopo il 2009, Jobs abbia dovuto cambiare l'auto con un'altra. Nell'estate del 2010, le foto della Mercedes-Benz SL55 AMG sono apparse su Internet. Questa auto, si sosteneva, apparteneva anche a Jobs. Il suo chilometraggio era di oltre 21 mila miglia.

Steve Jobs aveva un vestito casual regolare: jeans e dolcevita nero. Steve Jobs è quasi sempre apparso in abiti del genere. Ma lui stesso non ha nominato i motivi di questa scelta. Tali vestiti sembravano comodi. Forse Jobs vuole sentirsi a proprio agio sul lavoro? Secondo un'altra versione, a causa della sua frenesia, ha semplicemente risparmiato tempo a scegliere e cambiare i vestiti. Ci sono suggerimenti che dal suo aspetto, Jobs ha mostrato l'uso della creatività in altre aree. Forse il manager stava mostrando il suo amore per le cose semplici ed efficaci. Ma è un'idea sbagliata che Jobs indossasse sempre solo jeans a collo alto. Quando era necessario, ha facilmente cambiato stile. Così, nel 2001 alla fiera MacWorld di Tokyo, Jobs è apparso in giacca e cravatta e alla cerimonia di premiazione ha indossato uno smoking. A volte al lavoro veniva visto con una maglietta bianca e un gilet nero. Dissero che anche Jobs aveva un dolcevita bianco.

Un tempo, Steve Jobs ha promesso di non tornare in Giappone. Questa storia non è apparsa dal nulla. Nel 2010, il leader di Apple era in vacanza in Giappone, a Kyoto. Terminata la sua vacanza, andò in aeroporto per salire a bordo del suo jet privato e tornare a casa. Tuttavia, quando passa attraverso la sicurezza, il servizio di sicurezza proibisce a Jobs di atterrare sul proprio aereo. Il fatto è che il miliardario ha acquisito ninja lanciando stelle mentre era in vacanza. Jobs decise di portare con sé quest'arma come souvenir. Irritato dal rifiuto delle guardie di sicurezza di farlo entrare, si dice che l'uomo d'affari abbia dichiarato che non verrà mai più in Giappone. Ma questa storia si è rivelata un mito. I rappresentanti dell'ospite hanno affermato che non esiste una storia simile. Ad Jobs piaceva il viaggio stesso e sperava di visitare di nuovo il paese nel prossimo futuro.

Steve Jobs ha costantemente intimidito i suoi dipendenti senza motivo. Si ritiene che Steve Jobs sia stato un vero perfezionista che ha prestato attenzione anche ai minimi dettagli. Ciò che sembrava insignificante per l'ingegnere medio poteva sembrare molto importante per lui. E più di una volta a causa delle sciocchezze, come credevano i dipendenti, Jobs ha fermato tutto il lavoro. Tuttavia, non ha esitato a esprimere la sua opinione. Jobs ha elogiato coloro che hanno lavorato. Allo stesso tempo, uno che si è distinto il giorno successivo potrebbe essere punito per un errore. I dipendenti che hanno lavorato con Jobs hanno affermato di avergli presentato le loro migliori creazioni, ma non era soddisfatto di tutto ciò. Il CEO è stato scortese, a volte ha adottato un approccio aggressivo per testare le competenze dei suoi dipendenti. Se le persone potessero difendere il loro punto di vista, Jobs le ascolterebbe. Se rimasero in silenzio senza mormorio, il capo li licenziò. Le dure critiche sono state considerate da Jobs come un eccellente strumento di motivazione e produttività. E sebbene ad altri questo approccio non piacesse, ha dato risultati. Le azioni del manager sono contrarie a tutto ciò che di solito è scritto nei manuali per la gestione del personale. Tuttavia, Apple è riuscita a diventare una fiorente azienda che vende i migliori gadget. E sebbene Jobs abbia sviluppato la reputazione di manager esigente e duro, è riuscito anche a guadagnare la dedizione e l'ammirazione dei suoi dipendenti. Si sono appena abituati, accettando le regole del "gioco".

A Steve Jobs non piacevano i suoi dipendenti. Alcune pubblicazioni hanno scritto che i dipendenti dell'azienda avevano paura di incontrare il loro capo. Dopotutto, poteva sempre porre diverse domande, licenziando uno specialista se la risposta non fosse soddisfatta. Ma per l'idea che gli piaceva, Jobs poteva "premiare" un dipendente che lavorava nei fine settimana o insieme. In effetti, Apple aveva una squadra che era pronta a lavorare letteralmente giorno e notte. Molti hanno rinunciato ai loro fine settimana o vacanze per lavorare con Jobs. Non a tutti piaceva questo stato di cose. Ma queste persone non rimasero a lungo in compagnia. Il capo stesso chiese a questi subordinati cosa stavano facendo qui se non fossero pronti a dedicarsi alla creazione di prodotti migliori. Qui non vale la pena parlare di avversione per le persone. Jobs voleva solo vedere gli stessi appassionati accanto a lui, per i quali il denaro svaniva in secondo piano. L'uomo d'affari non era solo molto aperto, ma anche molto esigente. Sembrava costantemente che in lui queste due metà si combattevano.

Jobs ha rubato l'idea del mouse da Xerox. Il mouse del computer è stato inventato da Xerox. Un giorno del 1979, a Steve Jobs fu mostrato questo dispositivo ridicolo e costoso, che, secondo gli ingegneri, non aveva futuro. Ma gli piaceva l'idea stessa. Apple ha lavorato per diversi anni per creare un dispositivo veramente funzionante. Un mouse a tutti gli effetti è diventato uno strumento del computer Macintosh nel 1984. A quel tempo, l'analogo di Xerox era in vendita da diversi anni. Come hai potuto rubare un'idea che già tutti conoscono?

Steve Jobs ha acquisito Pixar nel 1986. Lo studio è stato fondato nel 1979 da George Lucas. Tuttavia, a metà degli anni '80, decise di sbarazzarsi del bene senza compromessi. Si ritiene che Steve Jobs abbia acquisito Pixar per $ 10 milioni. Tuttavia, non tutto è così semplice in questa storia. I diritti dell'azienda e del suo management sono rimasti con Ed Catmull e Alvy Ray Smith. Insieme a Jobs, formarono il consiglio di amministrazione. In realtà, ha agito come un investitore, acquistando il 70% delle azioni della società. La metà dell'importo speso è andato allo sviluppo dell'azienda. Nel corso dei prossimi anni, la società è stata periodicamente lasciata senza fondi. Ogni volta che Jobs investiva i suoi soldi, ricevendo in cambio azioni. Di conseguenza, nel 1991, ha investito $ 50 milioni, avendo ricevuto un pacchetto di quasi il 100%. E solo nel 1995, Jobs è diventato CEO della società, dopo aver acquistato tutte le azioni. Fu allora che divenne un vero e proprio proprietario.

Steve Jobs ha co-fondato Pixar. Secondo i documenti fondatori dell'azienda, i suoi co-fondatori erano Ed Catmull ed Elvy Smith. Quando hanno lasciato LucasFilm, hanno portato con loro altri 38 dipendenti. Ma nella Silicon Valley non è una pratica chiamare i co-fondatori degli investitori. La società non è stata inventata da lui.

Steve Jobs ha inventato l'animazione digitale. Ed e Alvy sono in contatto con Disney dalla metà degli anni '70 per attirare l'attenzione sulle nuove tecnologie. Ma le cose non andarono oltre il rilascio di lettere maiuscole ai cartoni animati. Gli animatori concordarono con i giapponesi di rilasciare un cartone animato su una scimmia, ma poi si scoprì che la potenza del computer non consentiva il completamento del progetto. Quindi, nel 1986, queste idee erano nell'aria. Grazie alla Legge di Moore, sembrava che i computer potessero fare una svolta. John Lasseter ha suggerito di iniziare con cortometraggi. E questa idea si è rivelata vincente, portando un animatore all'Oscar ancor prima che Jobs diventasse responsabile dell'azienda nel 1995. Per due anni, mentre lo studio ha lavorato con Disney per creare Toy Story, Jobs non è riuscito. Diventando il capo dell'azienda, ha immediatamente messo le mani sul clamoroso successo del cartone animato. E poi Jobs ha già abilmente eliminato il risultato, vendendo Pixar per $ 7 miliardi.

Jobs ha inventato il nome Pixar. In effetti, lo ha fatto Elvy Ray Smith. Il nome deriva da un computer per imaging che ha chiamato con Lauren Carpenter. Innanzitutto, la coppia ha deciso di scegliere una parola che suonava come "laser". La prima versione sembrava "pixer". Carpenter, pensando alla grande parola "radar", ha suggerito di cambiare "pixar" in "pixar". Il nome è stato dato al computer quando lo studio faceva ancora parte di LucasFilm. Quando è stata creata la nuova società, è stato deciso di scegliere un nome che era già strettamente associato al team. E Jobs non aveva nulla a che fare con questa decisione.

Steve Jobs gestiva Pixar. Si può presumere che dopo l'accordo del 1986, Jobs abbia preso il controllo. In effetti, Ed Catmull gestiva la compagnia. La società è stata nelle sue mani sin dal suo inizio. Nel 1985, Catmull era considerato Presidente e CEO, mentre Alvy Smith era Vice Presidente e CTO. Nel luglio 1987, Jobs fu nominato presidente del consiglio di amministrazione sotto il presidente e CEO di Catmull. Nel 1988-1989, la posizione di Jobs è stata indicata nei documenti come direttore e principale azionista. Dopo l'IPO, Steve ed Ed hanno effettivamente condiviso le responsabilità del capo dello studio, ma Steve era impegnato con l'affondamento della Apple, quindi Catmull ha continuato ad assumersi le responsabilità.

L'investimento di Jobs ha salvato Pixar. Jobs non versò inavvertitamente denaro in un'azienda morente. Ha economizzato molto a volte. Nonostante l'investimento di Jobs, la Pixar è stata l'unica a fallire. Quindi la società, nonostante l'infusione del suo principale azionista, era nei guai. Ed è stata salvata dalla compagnia Disney, che ha accettato di girare un grande film. E Jobs non possedeva l'idea. Era generalmente interessato alle capacità hardware, non sapeva nulla di animazione. La Pixar è stata spesso lasciata senza fondi e Jobs ha investito più e più volte, vedendo il potenziale del mondo del cinema. Ma venderebbe questo bene se qualcuno fosse disposto a rimborsare i 50 milioni che aveva già speso.

Jobs non ha svolto attività di beneficenza. Dopo la sua morte, si è saputo che Jobs, insieme alla sua famiglia, aveva fatto donazioni in forma anonima per 20 anni. Sì, non era un grande filantropo come Bill Gates, ma questo fatto sottolinea la grandezza della personalità.

Jobs ha inventato il personal computer. Questo mito è costantemente replicato nei documentari. In effetti, Gary Kildall è diventato l'autore effettivo dell'idea. Perfino Intel non pensava che i suoi processori potessero essere usati a casa. Kildall ha nominato la sua azienda Digital Research. Nel 1973, ha dimostrato il primo dispositivo del suo genere in grado di connettersi a un teletypewriter. Steve Jobs non ha inventato il PC, ha solo reso popolare l'idea cambiando il mondo intero con le sue macchine Apple I, II e Macintosh.

Steve Jobs ha ideato un'interfaccia utente grafica. L'idea per l'utente di lavorare con elementi grafici è stata inventata da Xerox nel 1975. La variante di Apple si chiamava Lisa e questo computer è apparso solo nel 1983. Ma Steve è stato rimosso da ulteriori sviluppi. In seguito Jobs si interessò al progetto Macintosh, guidandolo. Un intero centro di ricerca e sviluppo a Palo Alto ha lavorato all'implementazione della GUI, coinvolgendo ex dipendenti di Xerox. La società ha perfezionato l'idea, il Macintosh è diventato il primo computer commerciale a mostrare tutte le funzionalità della GUI.

Steve Jobs è stato un grande designer. I prodotti Apple sono amati per il loro design senza rivali. Dopo la morte di Jobs, si è saputo che non era lui a occuparsi della progettazione dei prodotti, ma Johnny Ive. È solo che quest'uomo è sempre rimasto nell'ombra. Jobs ha considerato le opzioni, scegliendo il meglio del meglio. Il suo ruolo non era quello di essere un grande designer, ma di essere un grande leader.

Jobs ha capito che i telefoni potevano avere app. L'iPhone di Apple è diventato un pioniere nelle applicazioni mobili. Oggi è impossibile immaginare la nostra vita senza smartphone e senza programmi per loro. In effetti, molto prima del lancio dell'iPhone, c'era un TreoSmartphone (Palm) con numerose applicazioni. E anche il popolare gioco "Snake" sui telefoni Nokia era anche primitivo, ma un'applicazione.

Steve Jobs ha innovato ovunque. Il talento di Jobs è considerato creare costantemente prodotti innovativi. In effetti, molte delle sue creazioni Apple non erano originali. Jonathan Schwartz, ex capo di Sun Microsystems, ha affermato che Jobs si è opposto ai sistemi open source. L'idea alla base del Mac Os X è stata presa in prestito da un altro sistema operativo, NeXTStep, creato da NeXT. Il motore del browser Safari, WebKit, è stato preso da Konqueror. Anche l'iPod non ha un carattere univoco, viene dalla risorsa pubblica FreeType. Jobs era il miglior innovatore dei suoi tempi, ma era abbastanza intelligente da trarre ispirazione da altri prodotti.

Steve Jobs ha inventato i tablet. Grazie a Steve Jobs, i tablet sono entrati nelle nostre vite. Tuttavia, li ha resi popolari, ma non ha creato un concetto del genere. Quasi 10 anni prima dell'iPad di Apple, Microsoft ha rilasciato la propria versione del tablet, che si è rivelata un fallimento assordante per questo.Nel 1968, uno dei teorici dei sistemi informatici propose il concetto di Dynabook, che avrebbe dovuto combinare un laptop, un tablet e un e-book per scopi educativi. Sfortunatamente, questo progetto non è mai entrato nel mercato. Nello stesso anno fu pubblicato il film di Stanley Kubrick "Odissea nello spazio del 2001", in cui uno degli astronauti lavora con un dispositivo che assomiglia molto ai moderni tablet. E Steve Jobs ha creato un dispositivo davvero conveniente, ha dimostrato la sua fattibilità e ha insegnato a tutto il mondo a utilizzare una nuova classe di dispositivi.


Guarda il video: Steve Jobs Lost 1995 Interview (Agosto 2022).