Informazione

Guerra del Vietnam

Guerra del Vietnam


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Ci sono stati molti conflitti militari nella storia del secolo scorso. Anche il Vietnam del Nord entrò in guerra, che fu sostenuto dagli stati socialisti guidati da Cina e URSS.

Nel 1964-1972, fu la guerra del Vietnam che divenne l'argomento più importante nella vita della società americana. Nello stesso Vietnam sono stati uccisi oltre 1,3 milioni di soldati locali e 2 milioni di civili. La guerra servì da impulso per l'emergere del sentimento contro la guerra, apparve il movimento hippie. L'America ha affrontato i problemi della diserzione di massa e della "sindrome vietnamita".

Nonostante il fatto che la guerra fosse ampiamente coperta dalla stampa, c'erano molti miti a riguardo. Alcuni furono creati nemmeno dagli storici, ma dagli stessi combattenti. Le voci circolavano non solo dagli americani, ma anche dai nostri compatrioti. Alcune di queste idee sbagliate verranno ridimensionate nel nostro articolo.

L'età media di un fante americano aveva 19 anni. Secondo questo mito, le autorità americane gettarono in battaglia soldati impreparati completamente "verdi". In effetti, l'età media della fanteria in Vietnam era di 22,8 anni. Prima di 20 anni, nessuno, indipendentemente dallo stato sociale, poteva essere arruolato nell'esercito. Per fare un confronto, l'età media di un soldato della Seconda Guerra Mondiale ha 26 anni.

La maggior parte dei veterani del Vietnam si è arruolata nell'esercito di leva. Oltre i due terzi dei soldati in servizio in Vietnam erano volontari. Ma per la seconda guerra mondiale, lo stesso rapporto era per i coscritti. Per fare un confronto, nella prima guerra mondiale c'erano il 60% e nella guerra di Corea era già del 27%. Tra quelli uccisi in Vietnam, il 70% erano volontari.

Durante la guerra del Vietnam, un numero sproporzionato di neri furono uccisi. Dei soldati americani uccisi in quella guerra, l'86% aveva la pelle bianca e uno su otto era afroamericano. Solo l'1,2% dei morti era di altre razze.

La guerra del Vietnam fu intensa come la seconda guerra mondiale. Durante la seconda guerra mondiale, il soldato medio nella regione vide solo 40 giorni di combattimenti in quattro anni. Ma in Vietnam, il fante medio ha combattuto 240 giorni all'anno. Ciò è diventato possibile grazie alla mobilità degli elicotteri.

La sifilide nera si è diffusa in Vietnam. Durante i combattimenti, la promiscuità sessuale dei soldati ha portato a uno scoppio di malattie veneree. In questo contesto, è apparsa la leggenda della sifilide nera. I soldati hanno detto che è stato trasmesso da prostitute locali e non ha risposto al trattamento. Si credeva che i medici militari avessero semplicemente trasportato segretamente i pazienti su un'isola remota, una colonia o un ospedale galleggiante. Lì morirono i soldati. Le famiglie delle vittime sono state informate della scomparsa dell'americano senza lasciare traccia. Alcuni hanno affermato che la misteriosa isola si trova vicino a Okinawa, altri l'hanno collocata nelle Filippine, e ancora altri - sull'isola di Kon-Son, dove si trovava la prigione "Tiger Cages". Allo stesso tempo, il mito in diverse dichiarazioni ha sempre chiamato lo stesso numero di vittime: mille e mezzo persone. Devo dire che i dottori stessi non hanno fretta di esporre questa affermazione. Dopotutto, la circolazione del mito ha aiutato a mantenere i soldati da contatti non protetti con le prostitute. Non è stata trovata alcuna prova documentale per la leggenda.

Numerosi americani bianchi hanno combattuto dalla parte dei Viet Cong. Gli americani condividevano la voce che i loro ex colleghi, che erano diventati disertori, stavano combattendo per il nemico. Allo stesso tempo, il traditore era necessariamente descritto come astuto e coraggioso, e sul suo corpo c'era una sorta di importante riconoscimento statale. Si diceva che i disertori dei megafoni sollecitassero gli americani ad arrendersi. In effetti, esiste un solo caso ufficialmente registrato di un soldato che si avvicina al fianco del Viet Cong. Il privato Bobby Garwood, un marine, divenne un traditore. Devo dire che un tale mito stava attraversando l'esercito durante la guerra filippina-americana nel 1899-1901. Un'altra versione di questo mito parla di numerosi volontari europei (russi, francesi) o mercenari che lottano per i vietnamiti.

Prigionieri torturati vietnamiti. I soldati americani credevano che i loro avversari prendessero in giro i corpi dei prigionieri. Parlarono dei genitali recisi spinti nella bocca della vittima, delle teste sulle pietre della strada. Gli psichiatri hanno spesso trovato storie di stress post-traumatici che riportavano torture. Tuttavia, i testimoni oculari di quegli eventi non hanno visto nulla di simile. E sebbene i prigionieri di guerra americani fossero effettivamente detenuti in condizioni difficili, la tortura fu usata solo in casi eccezionali. Il Viet Cong non aveva bisogno di informazioni operative: era generosamente condiviso dalla popolazione civile. I prigionieri dovevano vivere sotto stretto controllo con una dieta povera. Allo stesso tempo, le condizioni degli stessi vietnamiti non erano molto migliori. Il film "Deer Hunter" mostra come i prigionieri siano stati costretti a giocare alla roulette russa, ma tali prove non sono state documentate.

Le prostitute vietnamite hanno messo le lamette nelle loro vagine. Questo mito sopravvisse persino alla guerra. Si diceva che gli agenti del Viet Cong facessero finta di essere prostitute e quindi inserissero le lame nei loro genitali e ferirono i creduloni americani. E mentre quelli, sanguinanti, rotolavano a terra, le donne scivolavano via. La fonte di questo mito sono le leggende giapponesi di ninja femminili che presumibilmente posizionavano cilindri con spine velenose nelle loro vagine. Coloro che hanno rischiato di copulare con loro sono morti immediatamente.

Il Viet Cong ha sparato balestre contro elicotteri americani. Gli americani credevano che i loro avversari imparassero a creare potenti balestre da bambù, corde e piatti. Elicotteri e aerei a bassa quota furono lanciati da questa insolita arma. Si diceva che un pilota fosse addirittura ucciso da un colpo da una balestra tale che spesso il piano dell'aereo veniva trafitto. Le voci hanno attirato un campo di addestramento vietnamita in cui hanno sparato contro un aereo finto che scivolava lungo una corda. Naturalmente, in realtà ciò non è mai accaduto, a causa dell'inefficacia di tale arma.

Durante la guerra del Vietnam, gli americani persero molti elicotteri. Le statistiche mostrano che l'esercito perse in media un veicolo da combattimento in 18.000 sortite. Per condizioni di ostilità intense, questo indicatore è semplicemente unico nella sua efficacia.

I gangster trasportavano eroina nelle bare dei soldati. Mafioso Frank Lucas ha raccontato come dal Sud-est asiatico trasportasse eroina nelle bare dei soldati morti. Questo episodio è stato anche incluso nel film "Gangster". In effetti, l'eroina è stata trasportata, ma non in questo modo. Lo hanno nascosto nei mobili. Lo ha affermato il fornitore di Lucas, che lo ha beccato in una bugia, e l'agente per la lotta contro la droga, Charles Lutz, che stava indagando sul caso di alto profilo.

Le forze speciali sovietiche dirottarono un elicottero dagli americani. Molto è scritto su come i sabotatori militari sovietici entrarono in contatto diretto con gli americani. Tuttavia, gli autori di questa storia fanno immediatamente una riserva che non ci sono informazioni ufficiali su questo. La storia più rumorosa riguardò l'incursione del maggio 1968 nel campo di Flying Joe. I creatori del mito affermano che 9 forze speciali sovietiche attaccarono una base di elicotteri americana segreta, dirottando il Super Cobra da lì. Ma non c'è mai stata una tale base nelle fonti americane, così come la storia del dirottamento dell'elicottero. La storia è stata invasa da leggende, il numero di attrezzature distrutte è cresciuto, così come le guardie uccise.

Molte celebrità russe hanno combattuto in Vietnam. Il viaggiatore F. Konyukhov, lo scrittore V. Ledenev, lo stuntman V. Zharikov hanno raccontato della loro partecipazione a quel conflitto in momenti diversi. Per la prima, la menzione del Vietnam era PR. Lo scrittore bielorusso Ledenev ha persino pubblicato storie su un'operazione speciale in Vietnam. Ma queste storie sono state immediatamente criticate da veterani ed esperti a causa di dettagli bassi e numerose incoerenze.

L'URSS deteneva prigionieri di guerra americani portati dal Vietnam. Questo mito è apparso grazie a un'intervista con l'ex generale del KGB O. Kalugin. Ma lui stesso non ha visto i prigionieri, ma si riferisce alla testimonianza di alcuni terzi. Inutile dire che non è stata trovata alcuna prova documentale per questo.

La tecnologia americana è stata attentamente studiata da tecnici sovietici. Funzionari militari e civili, piloti collaudatori e progettisti di aeromobili non nascondono il fatto che in URSS l'aereo catturato A-6, F-4, F-5, F-111 e le loro singole parti siano stati attentamente studiati.

La guerra fu combattuta tra America e Vietnam. Numerosi film mostrano come gli americani combattono i comunisti. In effetti, le principali battaglie furono combattute tra gli eserciti del Sud e del Nord Vietnam. Nel mezzo della guerra, anche alcuni altri popoli sono intervenuti, rendendolo una specie di prova per la Terza Guerra Mondiale. I meridionali hanno collaborato con americani, australiani, neozelandesi e asiatici (Thailandia, Taiwan, Corea del Sud, Filippine). I cinesi e i nordcoreani aiutarono la parte comunista.

Ho Chi Minh e il generale Vo Nguyen Giap guidarono le forze comuniste. A poco a poco, la cortina di ferro cade e impariamo sempre di più sui segreti della Cina comunista e sul comportamento del partito durante la guerra. Documenti pubblicati di recente hanno dimostrato che la visione accettata dei leader è errata. Ho Chi Minh si è rivelato essere una figura impotente che si è opposta a una guerra totale con il Sud e gli americani. E il generale Vo Nguyen Giap, che divenne famoso durante la guerra con la Francia, era anche al margine del potere reale. In effetti, il Vietnam del Nord era guidato dal Segretario Generale del Comitato Centrale del Partito Comunista Le Duan e dalla sua "mano destra", Le Duc Tho. Questa coppia ha preso le decisioni principali, spingendo il paese su un percorso militare per risolvere il conflitto.

La lotta fu combattuta solo nel Vietnam del sud. Molte persone pensano che i combattimenti siano avvenuti solo nel sud del Paese. Ma le truppe del Vietnam del Nord hanno anche invaso il territorio del Laos e della Cambogia, da lì hanno attaccato i nemici. Questi paesi sopravvissero anche ai bombardamenti, che colpiscono oggi. Per ogni laotiano, c'erano un sacco di esplosivi. La Cambogia era un po 'meglio: fu combattuta più volte dagli americani e dai vietnamiti del sud. 3,5 volte più bombe furono lanciate sul paese che sul Giappone durante la seconda guerra mondiale.

L'America in Vietnam non ha perso una sola battaglia. Questo mito è apparso grazie al colonnello Harry Summers, che, durante un incontro con i suoi colleghi vietnamiti, ha affermato di non aver mai sconfitto gli americani. Ma l'avversario ha obiettato che anche se è così, non ha più importanza. In effetti, è ingenuo pensare che in una serie di battaglie gli americani non si siano arresi e non si siano ritirati. I comunisti ottennero diverse vittorie significative, la più sorprendente fu la battaglia per la base Ripcord. Gli americani non hanno potuto riprendersi da questa sconfitta per diversi anni.

La guerra del Vietnam fu per lo più guerriglia. All'inizio della guerra, il Vietnam del Sud e i loro alleati hanno combattuto il Viet Cong nella giungla. Ma con lo sviluppo della guerra, sempre più forze dei settentrionali furono mandate al fronte. La guerra si trasformò da una guerra partigiana in una serie a pieno titolo di battaglie con carri armati e artiglieria. L'offensiva di Pasqua del 1972 fu la più grande operazione di terra dalla guerra di Corea. Le perdite dei lati ammontavano a decine di migliaia di soldati, mentre i settentrionali persero altri 500-700 carri armati.

Kennedy voleva far uscire l'America da questa guerra. Kennedy ha dato origine a centinaia di miti su se stesso, uno dei quali riguarda il Vietnam. Si dice che il presidente abbia combattuto per tenere l'America fuori da questa guerra. In effetti, quando Kennedy salì al potere, il suo paese era già coinvolto in ostilità. E lui stesso ha visto il modo di risolvere il problema con l'aiuto di armi. Il 2 settembre 1963, il politico disse che sarebbe stato completamente sbagliato lasciare il Vietnam, perché allora i comunisti avrebbero controllato l'intero sud-est asiatico. Prenderanno il controllo della Birmania e dell'India.

I media americani hanno riferito negativamente sul conflitto. Molti credono che gli americani non abbiano perso sul campo di battaglia, ma nella loro terra natale, a causa della copertura negativa degli eventi da parte dei giornalisti. Furono i media che fecero di tutto per abbassare il morale di coscritti e soldati. In effetti, in quegli anni la stampa era il veicolo della politica americana. Nel 1968 ci fu un massacro a Songmi. I soldati americani uccisero civili indifesi e violentarono donne. Ma la stampa ha scelto di non gonfiare il caso. I media hanno servito lo stato soddisfacendo le esigenze degli americani e i loro obiettivi. La notizia delle atrocità dei soldati proveniva solo da piccole fonti alternative. E dopo quel massacro, i veterani scrissero a vari giornali, chiedendo loro di coprire quegli eventi. Ma nessuno ha osato suscitare uno scandalo. Solo un anno e mezzo dopo, un piccolo giornale pubblicò quella terribile storia, e anche allora, perché era in rapporti amichevoli con l'oratore Seymour Hersh.

Le truppe americane erano basate nella giungla. In effetti, il 75% delle truppe americane erano permanentemente basate su basi. Sono stati fatti come piccole isole della Patria. Molti dei servizi presenti negli Stati Uniti sono stati ricreati qui. E mentre qualcuno doveva combattere nella giungla con i sabotatori Viet Cong, la maggior parte dei soldati poteva solo farsi male dalle attrezzature sportive. Anche le feste a Saigon erano popolari.

Durante la guerra, gli aerei sovietici mostrarono una completa superiorità su quelli americani. Il vietnamita abbatté 13 F-4 sul MiG-17 e la sua versione cinese J-4/5 e abbatté un altro paio di J-6 (una variante del MiG-19). Ma gli americani sui loro Fantasmi hanno abbattuto 57 MiG-17 nelle sue varie varianti, 5 MiG-19 e 54 MiG-21. Se confrontiamo direttamente il più recente F-4 e MiG-21, allora l'auto americana nel suo insieme è stata sconfitta. Ma va tenuto presente che "Phantom" stava risolvendo compiti insoliti per questo. Quindi non è ancora necessario parlare di completa superiorità, soprattutto perché gli americani avevano semplicemente un numero superiore di macchine, il che ha reso possibile resistere con successo a MiG più manovrabili.


Guarda il video: America in Vietnam. Guerra del Vietnam. (Giugno 2022).


Commenti:

  1. Eorl

    Penso che sia già stato discusso.

  2. Gauthier

    Sei stato visitato dalla straordinaria idea



Scrivi un messaggio